Tottea di Crognaleto: inaugurazione della nuova Scuola Appenninica

Nemmeno 2 anni ed è pronta la scuola a Tottea di Crognaleto (Te). Alla faccia delle complessità per la ricostruzione dichiarate dai vertici di alcune amministrazioni locali dopo altri e più antichi eventi sismici che hanno devastato l’aquilano. Complessità che produrrebbero uno stallo amministrativo tale d’aver trascinato un’intera città nel baratro, da circa 9 anni con conseguenze peggiori di quelle di un terremoto. Stamani in provincia di Teramo è stata inaugurata la nuova Scuola appenninica San Giovanni Battista de La Salle, complesso scolastico che accoglierà le classi della materna e delle elementari in una struttura  antisismica e tecnologicamente all’avanguardia.

Dopo lo scoprimento della targa all’ingresso della scuola con la benedizione del vescovo di Teramo, Lorenzo Leuzzi, ha avuto luogo la visita al plesso realizzato grazie al finanziamento della Regione Emilia Romagna attraverso l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile. A festeggiare la nuova Scuola appenninica il sottosegretario d’Abruzzo Mario Mazzocca, il sindaco di Crognaleto, Giuseppe D’Alonzo, il commissario governativo, Paola De Micheli, gli assessori regionali al turismo Giorgio D’Ignazio e alla Protezione Civile dell’Emilia Romagna, Paola Gazzolo, autorità civili e militari e il sottosegretario ai beni culturali, Gianluca Vacca. “La micidiale azione congiunta neve-sisma del gennaio 2017  aveva irrimediabilmente danneggiato il vecchio plesso di Tottea, di fatto rendendo antieconomico un eventuale intervento di recupero rispetto all’opera di demolizione/ricostruzione – spiega Mazzocca – In luogo di un unico blocco strutturale si è pensato ad una serie di piccoli aggregati funzionali armonicamente e reciprocamente integrati. Il plesso è costituito da 2 blocchi (collegati da un III volume trasparente), rispettivamente il primo a destinazione polifunzionale, il secondo ospitante le aule scolastiche. Un doveroso e immenso ringraziamento va alla Regione Emilia-Romagna e, per essa, all’assessore Paola Gazzolo, per l’importante atto di generosità operato nei confronti della comunità abruzzese quale ulteriore tassello di un sentimento di amicizia e fratellanza ormai decennale, iniziato con l’operato della PC emiliano-romagnola a seguito del terremoto aquilano del 2009 e rinsaldato dalla attività svolta dalla nostra protezione civile a Cavezzo (Mo) nell’emergenza sisma del 2012“.