Variante autostrada. Casini: Non vogliamo sentire più parlare di quel progetto inutile

Il problema della manutenzione delle grandi infrastrutture, messo in evidenza dalla tragedia di Genova è da sprone per “una improcrastinabile e urgentissima messa in sicurezza dei viadotti Peligni in particolare quelli di Cocullo (Aq) e Bussi (Pe) che versano in situazioni particolare di degrado” così il sindaco Annamaria Casini dopo l’intervento del primo cittadino di Castelvecchio Subequo, Pietro Salutari che chiedeva di riconsiderare il progetto della  bretella, ma Casini non ne vuol sentire più parlare.

Pratola viadotti foto Maria Trozzi Report-age.com 2018
Pratola viadotti foto Maria Trozzi

“È ormai tempo di agire e chiediamo al governo di farsi garante per accelerare la messa in sicurezza dei viadotti che oggi restano i principali collegamenti verso Roma e Pescara e uniche vie di comunicazione per i soccorsi in caso di calamità nelle nostre aree così fragili – interviene la sindaca – Non mi sembra una cosa di poco conto su cui si possa ancora riflettere. La concessionaria autostrada dei Parchi (Strada dei Parchi, per la società concessionaria, nota blog)  ha il dovere di occuparsi della sicurezza dei viadotti della A 24 e A 25,  provvedendo ad una urgente manutenzione per superare le evidenti criticità nei vari tratti. Punti che, insieme agli altri sindaci della valle Peligna, ho già segnalato come pericolosi negli anni scorsi (grazie al dossier di Report-age.com che, in tempi non sospetti e quando nessuno ne trattava, per la prima volta mise in evidenza il problema con articoli e video sullo stato dei ponti e delle infrastrutture anche in autostrada, sollecitando l’interesse di altri media e degli amministratori abruzzesi). Questa emergenza non può far rispuntare il pessimo e contrastato progetto delle varianti autostradali di Toto, peraltro già bocciato dal precedente Governo e incredibilmente rispolverato e auspicato dal sindaco di Castelvecchio Subequo Pietro Salutari. Il progetto  mirerebbe a ridurre, infatti, di circa 30 km il percorso autostradale prevedendo la contestuale demolizioni dei viadotti Peligni per la messa in sicurezza e l’adeguamento delle autostrade A24 e A25 con la contestuale realizzazione di altrettanti chilometri di nuove gallerie a doppia canna che consentirebbero di accorciare le autostrade A24 e A25, sforbiciando le zone piene di curve, trasformando un tracciato in un lungo rettilineo. Non è questo però il salto nel futuro che le nostre aree interne attendono da molto tempo, di cui parla il sindaco Salutari. Questo enorme tunnel da Cerchio a Bussi avrebbe avuto come principale conseguenza l’eliminazione dei caselli di Pescina, Cocullo e Pratola Peligna/Sulmona e come unico risultato il risparmio di appena 10 miseri minuti tra Roma e Pescara. Prezzo pagato dai territori: uno scempio ambientale di aree ad alto rischio sismico (geologi interpellati hanno illustrato i grandi rischi che comporterebbe realizzare tunnel e gallerie a ridosso delle principali faglie sismiche della nostra area) e ulteriore isolamento di intere comunità della valle Peligna, valle del Sagittario e dell’Alto Sangro, impedenti accesso al Parco nazionale della Maiella e area industriale di Sulmona, già molto sofferente – conclude il sindaco Annamaria Casini – Non vogliamo sentire più parlare di quel progetto inutile: è uno scempio ambientale che di fatto prevede la cancellazione di un intero territorio”.

Video Maria Trozzi 2016