Commemorazione delle vittime del bombardamento del 27 agosto 1943

Domani pioverà? E se il solito temporale farà la sua comparsa, il piazzale si allagherà? Tempo permettendo e facendo attenzione ai rami sospesi sulla strada e sul parcheggio del piazzale, armati rigorosamente di ombrelli, è tutto pronto o quasi per la commemorazione delle vittime del bombardamento aereo, anglo-americano, del 27 agosto 1943 nella stazione di Sulmona (Aq).

Ai tempi, lo scalo era il più importante snodo ferroviario dei collegamenti del Centro Sud Italia con Pescara, Roma, Napoli e Terni. In occasione del LXXV (75) anniversario del bombardamento della stazione ferroviaria, l’amministrazione comunale onora i numerosi civili che in quella tragica mattinata persero la vita, oltre 100 morti. Una Santa messa sarà celebrata nella parrocchia della Madonna pellegrina alle ore 16.30 seguita da una deposizione.

Nel 2014 Sulmona ha proprio dimenticato, incredibile ma vero, il bombardamento aereo anglo-americano che costò, alla città dei confetti vita e devastazione. La frase popolare spesso pronunciata dagli anziani per ricordare il triste evento è Hanne zappate la stazione. Sul fronte della grave dimenticanza, registrata 4 anni fa, al silenzio delle istituzioni e all’assenza di una pur minima iniziativa per rendere onore ai caduti e alle vittime innocenti di quel triste giorno, non restò che altro che contestualizzare quella vecchia frase: Hanne scurdate la staziòne.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Sulmona dimentica il bombardamento Hanne scurdate la staziòne

Monte San Cosimo: polveriera di misteri in valle Peligna