Strade dissestate, Mazzocca sollecita di nuovo le Province

Pescara. La Regione ha destinato alle strade provinciali abruzzesi oltre 100 milioni di euro fra fondi Masterplan, Fondo sviluppo e coesione, e finanziamenti straordinari, sopperendo in parte ai progressivi tagli dei trasferimenti governativi.

Oltre a ciò, con il decreto del 28 aprile  il governo ha dato attuazione alla decisione di ritrasferire ad Anas circa 500 km di strade provinciali. “Una decisione a cui abbiamo lavorato per un biennio, lungamente attesa dalla popolazione abruzzese e dagli enti locali, a partire dagli enti provinciali in difficoltà nell’eseguire opere manutentive nei tratti stradali di competenza” spiega il sottosegretario regionale Mario Mazzocca – Tuttavia, le Province non ancora procedono alla sottoscrizione degli atti di convenzione. Il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, risponde che si stia procedendo alla compilazione delle schede e che a breve si darà conto degli accordi fatti con Anas” che con lo stesso Mazzocca, dalla scorsa primavera, avrebbe sollecitato per l’ottimizzazione del passaggio di consegne all’ente nazionale per e strade. “Fatto ancora più grave se si considera l’entità del problema vissuto in maniera drammatica soprattutto nelle zone interne d’Abruzzo – sottolinea Mazzocca – Di conseguenza, questi tratti stradali sono ancora in capo alle Province che, in vista del passaggio ad Anas, hanno di fatto interrotto ogni forma di manutenzione stradale aggravando ulteriormente lo stato di salute di diversi tratti per altro già fortemente provati dalle cicliche avversità atmosferiche e sismiche che hanno interessato la nostra regione dal 4 marzo 201 – conclude Mazzocca – A mero titolo esemplificativo, dei 746 Km di cui è titolare la Provincia di Pescara, ben 125 (ovvero il 16,7% del patrimonio viario complessivo) attendono, fin da aprile, il passaggio all’Anas”.