Se togli la frutta, aiuti l’Orso. In azione i volontari del Wwf e di Salviamo l’Orso

Prende il via una nuova attività di volontariato a favore dell’Orso bruno marsicano organizzata dal Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm), in collaborazione con il Wwf e l’associazione Salviamo l’Orso (SLO).

Copertina Gaianews.it

Due mini campi di volontariato a Opi, nel versante aquilano, e a Pizzone (Isernia- Molise), sono stati allestiti per intervenire sugli alberi da frutta ed evitare così che gli orsi si avvicinino troppo ai paesi. La frutta nei centri abitati favorisce infatti la presenza dell’Orso, rischiando d’innescare comportamenti confidenti che alla fine possono rivelarsi rischiosi per l’Orso e potenzialmente pericolosi per l’uomo. La rimozione della frutta è quindi un piccolo gesto, molto importante, che dimostra una grande responsabilità per la salvaguardia dell’Orso.

I prossimi appuntamenti. Il Parco, i Comuni di Opi (Aq) e Pizzone (Is) e le associazioni Wwf e Salviamo l’Orso hanno quindi organizzato, questo mese, alcune giornate di lavoro e sono a disposizione di coloro che vorranno impegnarsi nella raccolta della frutta e attività correlate. Due i prossimi turni previsti. A Pizzone l’11, 12 e 13 agosto: appuntamento alle ore 9.30 davanti al Comune. Ad Opi il 17, 18 e 19 agosto, appuntamento alle ore 9.30 in località Casette, con la presenza dei giovani di Wwf YOUng.

Consigli utili. É un’occasione utile per conoscere i corretti comportamenti da tenere nei confronti del plantigrado nelle aree in cui si registra la presenza dell’orso. Si raccomanda sempre di non avvicinarsi agli animali, non lasciare cibo o rifiuti a disposizione, tenere sempre i cani al guinzaglio e portarli solo dov’è consentito, guidare a velocità moderata, in particolare di sera.