Vietata l’accensione di fuochi di ogni genere in qualsiasi luogo all’aperto

“Stiamo predisponendo una serie di atti ed interventi mirati per scongiurare il riattivarsi di incendi boschivi e il ripetersi dei fatti gravissimi come quelli dello scorso anno – ha dichiarato il sindaco di Sulmona Annamaria Casini – Ho firmato questa mattina l’ordinanza 43 che vieta, su tutto territorio comunale, l’accensione di fuochi di ogni genere in qualsiasi luogo all’aperto, richiamando anche l’ordinanza 366 del 2005 che dispone di provvedere alla cura, manutenzione e pulizia da sterpi e da materiali infiammabili di terreni e giardini”.

Prevenzione e controllo sul territorio dunque dopo il malestro tentativo d’incendio di domenica pomeriggio. Distante dai roghi organizzati lo scorso anno, ma il caso evidenzia come la valle Peligna sia nel mirino degli incendiari. Nella riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, ieri all’Aquila, si è fatto un quadro della situazione riguardante, nello specifico, quanto si sta portando avanti per la prevenzione del rischio incendi nella valle Peligna. Afferma Casini: “Stiamo mantenendo alta l’allerta già da tempo. Nell’area pedemontana, infatti, ricadente nei comuni di Sulmona e Pratola Peligna, è attivo un servizio di monitoraggio della Protezione civile regionale, che sta operando con una squadra di 2 unità, dalle ore 10 alle 20 e che proseguirà, come ci hanno assicurato, per tutto il resto dell’Estate. Sono stati impartiti specifici indirizzi alla polizia locale per intensificare i pattugliamenti nelle aree a maggior rischio, in maniera coordinata con le alte forze di polizia – prosegue il sindaco – É stato disposto al personale del settore tecnico comunale d’installare, il più rapidamente possibile, una barra (con relativa segnaletica) per impedire ai veicoli l’accesso notturno nei pressi dell’eremo di Sant’Onofrio, così come suggerito dai residenti delle aree pedemontane al vicesindaco con delega all’ambiente Nicola Angelucci. “Con la collaborazione della Protezione civile mi occuperò, inoltre, di promuovere  momenti di sensibilizzazione al riguardo.  Non solo quest’anno le condizioni climatiche risultano meno pericolose, come hanno spiegato durante il Tavolo tecnico, ma a Sulmona potremo avvalerci della presenza di un elicottero antincendio, come anche di molti volontari abilitati e formati durante questi mesi (1500 complessivamente in tutta la regione),  di 2 ulteriori squadre designate per il nostro territorio provinciale, nell’ambito di un sistema regionale antincendio potenziato in convenzione con i Vigili del fuoco. – Conclude il sindaco – É fondamentale il controllo del territorio con la vigilanza attiva da parte di tutte le forze dell’ordine, in maniera coordinata sui territori a rischio, per scongiurare incendi”.

Archivio

Incendio di domenica sul Morrone: forse un tentativo maldestro che Casini non sottovaluta

Principio d’incendio ai piedi del Morrone, torna l’incubo