SalvaFratino: 5 suggerimenti per aiutare il piccolo trampoliere

Almeno a 20 metri di distanza dai nidi, non avvicinarsi di più e poi vincere la tentazione di prenderne uno, soprattutto se piccolo. Anche perché ne sono rimasti davvero pochi di Fratini, specie a rischio estinzione. Per loro, ogni anno si mobilitano gli ambientalisti abruzzesi con una campagna impegnativa, continua, utile a proteggerli. E si rivolgono soprattutto ai villeggianti, in spiaggia, quelli del Wwf Abruzzo con 5 suggerimenti interessanti ed utili per tutti.

Il Wwf Teramo e Alba Adriatica, in collaborazione con l’Area marina protetta Torre di Cerrano, l’associazione di albergatori Albatour e il Comitato nazionale per la conservazione del Fratino, hanno lanciato una campagna informativa sul Fratino presente sulle nostre coste. Anche grazie a una splendida immagine del fotografo Vincenzo Iacovoni, sono stati realizzati dei manifestini informativi per il progetto Il mondo del Fratino che Wwf e l’amministrazione comunale portano avanti per il II anno consecutivo nell’ambito del Salvafratino Abruzzo, progetto fortemente voluto dal Wwf Abruzzo e dall’Area marina protetta Torre del Cerrano.

Le locandine per proteggere il Fratino saranno distribuite ed esposte ad Alba Adriatica Fabiola Carusi, responsabile del Wwf Abruzzo per il Progetto Salvafratino spera che l’esperienza si possa replicare anche in altri comuni costieri. “Cittadini, turisti e balneatori sono tutti invitati a rispettare e 5 regole per contribuire alla salvezza di questa specie e diventare protagonisti di un grande progetto di conservazione – dichiara Carusi – Siamo felici del fatto che l’associazione di albergatori Albatour abbia accettato di sottoscrivere questo nostro invito, la collaborazione con il mondo imprenditoriale è molto importante. Anche gli operatori economici devono fare la loro parte per la salvaguardia della nostra biodiversità. Con il turismo verde in crescita, porre attenzione all’ambiente è ormai un’esigenza per tutti gli operatori del settore”.


Per aiutare il Fratino

  1. Non avvicinarti ai nidi di Fratino: per ammirarli o fotografarli resta ad almeno 20 metri.
  2. Non cercare di prendere i piccoli di Fratino e non toccare le uova nei nidi. Se vedi qualcuno che crea disturbo, invitalo ad allontanarsi e se non ti ascolta avverti le Forze dell’Ordine.
  3. Non distruggere la vegetazione litoranea e dunale: può ospitare un nido e lì il Fratino può trovare le sue fonti di nutrimento.
  4. Non lasciare il tuo cane libero in spiaggia, ma accompagnalo sempre al guinzaglio: anche involontariamente, potrebbe calpestare i nidi distruggendoli.
  5. Non spostare le piccole reti cilindriche che i volontari del Progetto Salvafratino pongono a difesa dei nidi contro i predatori.

 

Stampa