Cassonetti per differenziata ad uso comune scomparsi nelle strade del comprensorio ridotto a discarica

Metamorfosi nel comprensorio e non si tratta solo d’inciviltà, ma di carenza di cassonetti ad uso comune che sono praticamente scomparsi e non vengono rimpiazzati da secchi e bidoni per la raccolta differenziata dei rifiuti in aree pubbliche. Tutto a discapito dell’ambiente e a beneficio di chi poi procederà alla bonifica dei siti, presi di mira, in cui è più facile scaricare le immondizie senza essere beccati. 

Come risolveranno il problema? Conoscendo usi e costumi locali preferiranno spendere per qualche foto trappola in qualche luogo e non per acquistare mastelli ad uso comune per tutte le comunità del comprensorio. Le conseguenze sono visibili, a tutti, ma non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. Il divieto di scarico non ha impedito ai soliti ignoti di gettare in un anfratto, dietro una storica fontana, mucchi di cenci e vestiti vecchi e il cartello di avviso non è più un deterrente perché qua e là, nell’area di sosta all’ingresso delle gole del Sagittario, sono seminate diverse bottigliette di plastica e altri rifiuti. Mancano troppi secchi, ad uso pubblico, che potrebbero garantire la raccolta della plastica, della carta, del vetro e del secco per tutti, soprattutto per turisti di passaggio. Lo scenario da discarica è ancora lì, da settimane. L’area di sosta della strada regionale 479 Sannite annuncia l’ingresso al bacino di raccolta della centrale Enel, nel territorio di Anversa degli Abruzzi, a pochi passi dalle fonti del Cavuto. L’area è famosa per una fontana da cui sgorga un’acqua incredibilmente buona e fresca che i medici consigliano di bere. Per le strade della valle poi, dall’introduzione di questa singolare forma di raccolta differenziata, sono comparse centinaia di buste ricolme d’immondizia gettate sul ciclo o nel bel mezzo delle carreggiate. Di notte, i sacchi e i rifiuti sparpagliati, anche da qualche animale, sono un rischio per la circolazione stradale. Un grave peccato per luoghi incantevoli come i nostri se non si forniscono, nemmeno a chi è in viaggio, dei luoghi di riferimento magari da segnalare con cartelli, in cui buttare i rifiuti occasionali. Invece di migliorare la qualità della vita questo sistema sta pesantemente degradando l’Ambiente e non siamo noi a scriverlo, ma i moltissimi lettori che ci segnalano quotidianamente il disastro ambientale.

mariatrozzi77@gmail.com