Nell’aquilano per spendere banconote false, 3 campani arrestati e denunciato un minore

L’Aquila. Nell’aquilano per spendere banconote false ieri mattina con una vettura grigia. A bordo 3 uomini e 2 minori, di cui uno neonato segnalati tra Barisciano e San Demetrio ne’ Vestini.

Hanno tentato di spendere delle banconote false alla biglietteria del lago Sinizzo e in altri negozi dove uno dei gestori, dopo aver rifiutato il foglietto consegnato dagli sconosciuti, ha contattato i Carabinieri.

ilitari dell’Arma delle stazioni San Demetrio ne’ Vestini, Assergi e Paganica si sono messi alla ricerca della vettura poi intercettata sulla piana dei Navelli. Alla vista delle divise gli occupanti del mezzo hanno cercato di disfarsi di 2 buste. Negli involucri recuperati dai militari c’erano banconote del taglio di 100, 50 e 20 euro, naturalmente false per un totale di 430 euro. La vettura è stata fermata, a bordo O. L. 26 anni, D. A. A 29 anni moglie del 26enne e un 14enne. Attraverso le descrizioni fatte dalle vittime, le pattuglie si sono messe alla ricerca anche di un uomo di mezza età. O. C. 59anni che trovato dai militari ha consegnato volontariamente delle banconote falsificate, per un totale di 70 euro.

Tutti e 4 i fermati sono di origine campana, in concorso tra loro hanno messo a segno 3 spendite di banconote contraffatte in alcuni esercizi commerciali, la quarta non è andata a buon fine perché l’esercente si è accorto che la banconota era falsa. Tutti agli arresti domiciliari, il minore è stato invece denunciato in stato di libertà per gli stessi reati, affidato al padre giunto dalla provincia di Caserta. Per i maggiorenni, inoltre, è stata contestata l’aggravante di aver indotto un minorenne a commettere reati. É stata importante la collaborazione della cittadinanza per la riuscita dell’operazione dei militari dell’Arma.