Reinserimento detenuti, firmato il protocollo per le 8 carceri abruzzesi

Roma. “Rappresenta il primo passo verso la realizzazione di qualificati interventi di formazione professionale e introduzione al lavoro da realizzarsi negli 8 istituti penitenziari abruzzesi” così la Regione annuncia l’adesione formale del direttore generale della Regione, Vincenzo Rivera e del provveditore dell’amministrazione penitenziaria per  Lazio, Abruzzo e Molise, Cinzia Calandrino, al protocollo d’Intesa per l’attuazione del Por fse Abruzzo 2014/2020 in tema di reinserimento dei detenuti.“L’azione mira a ridurre il fenomeno della recidiva in modo da garantire alla popolazione locale più alti standard di sicurezza sociale e, contemporaneamente, a migliorare il clima delle strutture detentive per un maggior benessere non solo dei detenuti, ma anche del personale dell’amministrazione penitenziaria – è scritto nella nota della Regione –  Il protocollo prevede la costituzione di una cabina di regia interistituzionale in cui sarà coinvolta anche la direzione generale per il coordinamento delle politiche di coesione del ministero della Giustizia, al fine di assicurare la coerenza degli interventi con le progettualità del Pon inclusione”.