Giovane Emiliano arrestato per tentato omicidio all’Aquila

L’Aquila. La Squadra mobile, sezione antidroga, ha arrestato un giovane di 24 anni, nato in Emilia Romagna e residente nel capoluogo di regione, ritenuto responsabile del tentato omicidio di un moldavo 31enne. 

Le indagini sono state avviate la notte del 9 giugno dalla Polizia con l’arrivo in ospedale di un ragazzo ferito all’addome che ha dichiarato di essere stato accoltellato da una persona non conosceva. Il ferito è stato sottoposto ad intervento chirurgico. Secondo gli investigatori il giovane avrebbe preso le difese di un ragazzo italiano malmenato da altri 4 forse per questioni di precedenza stradale. Trauma all’occhio e frattura delle ossa nasali per l’italiano e per il moldavo prima calci e pugni e poi qualcuno lo ha colpito vigliaccamente alle spalle con un coltello, provocandogli una ferita profonda circa 3 cm all’altezza del fegato e della cistifellea. I poliziotti sono risaliti ad un’utilitaria di colore scuro  utilizzata dagli aggressori per allontanarsi dal luogo del ferimento grazie anche ad alcuni testimoni che sono riusciti a prendere il numero di targa dell’auto con cui gli aggressori si sono allontanati. Rintracciata l’auto di proprietà di  un 60enne, incompatibile con l’età dell’aggressore, i sospetti si sono concentrati sul figlio del proprietario del mezzo accusato così di tentato omicidio che sarebbe stato riconosciuto da vittime e testimoni. Arrestato, il giovane è stato tradotto nella casa circondariale aquilana.