Tagli alle classi dei piccoli Comuni. Torna l’incubo della Pluriclasse

Navelli (Aq). Ad alzare la voce è Paolo Federico, sindaco di Navelli e commissario della comunità montana montagna dell’Aquila, per la recente scelta dell’ufficio scolastico provinciale di ridurre, nel cuore d’Abruzzo, le classi dei piccoli comuni incidendo così negativamente sul ditirro allo studio e l’istruzione.

Il provvedimento si ripercuote sulla scuola secondaria di primo grado di Barisciano e su molte scuole primarie in alcuni casi sarebbe possibile anche l’accorpamento e tornerebbe l’incubo della pluriclasse in deroga al decreto del presidente della Repubblica 81/2009 in cui si indica che la classe è costituita da non meno di 8 e non più di 18 alunni. “Ridurre i servizi nelle aree interne è una scelta irrazionale che non tiene conto degli sforzi fatti negli ultimi anni – afferma Paolo Federico – Tagliando classi e sezioni si creano i presupposti per dare il colpo di grazia a tanti paesi alle prese con problemi di spopolamento ”. Il riferimento è alla possibilità concreta che con la riduzione delle classi, si arrivi a costringere le famiglie a lasciare i paesi per facilitare la frequenza della scuola, magari in centri più grandi e non interessati dai tagli. “Insieme agli altri sindaci crediamo che le scelte messe in atto  dall’ufficio scolastico provinciale, vadano rifiutate con forza. Anzi, è necessario chiedere maggiori sforzi a favore dei plessi scolastici dei piccoli comuni che, al contrario, possono essere, e sono, una valida alternativa al trasferimento in città sempre più congestionate e con una non sempre soddisfacente qualità della vita.  Come amministratoristiamo lavorando tanto affinché i servizi sociali, sanitari e di mobilità possano essere garantiti nel migliore modo possibile su tutto il territorio regionale, al contrario, però, proprio sulla scuola, si fanno scelte che non vanno a favore del territorio. Chiediamo che si ponga fine ad un processo di urbanizzazione forzata e si torni a rispettare i diritti anche dei cittadini dei piccoli comuni”.

mariatrozzi77@gmail.com