Iaia ci ha lasciato, ma il Sogno è Vita per chi si rende utile per realizzarlo

Roccaraso (Aq). Nel 2014 partì la corsa di solidarietà per raccogliere i fondi necessarie a curare la piccola Iaia, Ilaria Orlando, contro il neuroblastoma una terapia era praticabile e possibile, ma solo in America.  Allora Iaia aveva  6 anni e combatteva già da tempo contro il tumore che ha origine dalle cellule del sistema nervoso autonomo. La sua battaglia è continuata negli Stati Uniti, affidata al team di medici del memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York. La piccola ha sconfitto il male perché centinaia di persone si sono mobilitate per lei, per sostenere il suo sogno e raggiungere l’astronomica cifra di 800 mila euro per continuare a vivere e sperare , altri 4 anni è un’immensità per chi si considerava finito.

Il seguito di questo grande amore per la vita lo racconta oggi il sindaco di Roccaraso in un accorato post su Facebook: “É una giornata tristissima per Roccaraso, la più dolorosa da quando sono sindaco – scrive il primo cittadino – Questo pomeriggio Iaia ci ha lasciato. Davanti a queste notizie tutto passa in secondo piano, tutto diventa meno importante, ogni respiro si fa più lento. In questi anni abbiamo tutti lottato al suo fianco, ammirando il coraggio infinito di una famiglia che ha affrontato con una forza impareggiabile la grande sfida alla quale la vita l’aveva chiamata. Troveremo presto la forma e il modo per ricordarla, per far sì che questa sua lezione d’amore resti per sempre un patrimonio condiviso. Dobbiamo coltivare il suo sogno anche ora che non c’è più. Iaia ci ha permesso di capire che possiamo essere migliori di come siamo che aiutare chi si trova in difficoltà è davvero un’opportunità e che stringerci intorno a chi ha bisogno d’aiuto ci rende una comunità più forte e coesa. Questo l’abbiamo capito grazie a Iaia. Alla sua famiglia va l’abbraccio mio personale, dell’Amministrazione comunale e di tutta la comunità di Roccaraso”.

Archivio

Per Iaia una cena di beneficenza all’Alberghiero di Roccaraso 29.11.2014

Primo ciclo di cure per Iaia tornata, in questi giorni, a casa 8.3.2015

Oltre 11 mila euro per Iaia con la cena di beneficenza dell’Alberghiero 6.12.2014

Rubato in Alto Sangro altro salvadanaio pieno di soldi per curare Iaia 1.12.2014