Scoperto il Tritone. Salverà la Valle Peligna dalla centrale Snam? Il sito culla dell’anfibio specie protetta

A cura di Maria Trozzi

Un po’ come Davide e Golia nella battaglia narrata dalla Bibbia, a sfidare il temibile gigante oggi però non è un pastorello armato di fionda, ma una creaturina di appena 16 centimetri, un Tritone crestato che con quelli della sua specie protetta (di interesse comunitario – scrivono in una nota al sindaco Casini gli esperti Di Felice (Pro Natura) e Di Tizio (Wwf) – la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione), nuota in una pozza d’acqua proprio a Case Pente di Sulmona, il suo areale coincide in parte con l’area in cui a breve costruiranno la centrale di spinta della Snam, progetto Rete adriatica.

Immagini e copertina Maria Trozzi

Carotaggi centrale maggio 2018 foto Maria Trozzi Report-age.com
Foto Maria Trozzi © Report-age.com

La scoperta è della scorsa settimana e ha dell’incredibile. A dicembre il via libera all’impianto di compressione del metano, per spingere a Nord il gas naturale e venderlo per rifornire l’Europa, ha polverizzato ogni speranza. Tre giorni dopo le elezioni Politiche del 4 marzo, con il provvedimento di autorizzazione della centrale il governo uscente ha annientato ogni aspettativa ambientalista di evitare l’impianto a Case Pente di Sulmona (Aq), in area a massimo rischio sismico, soggetta anche a dissesto idrogeologico, come confermano le ricerche dell’ambientalista Clotilde Iavarone sul vallone dell’inferno, ai piedi del quale sorgerà la struttura. La struttura emetterà fumi e per giunta produrrà forti rumori. Sono partiti, già da un mese, i carotaggi dei terreni, attività che precede la costruzione della centrale prevista tra meno di un anno.

A segnalarci la presenza del Tritone a Sulmona è stato l’imprenditore Pasquale di Toro che tempo fa ci ha raccontato di quando, da fanciullo, aveva visto lo strano animaletto. Non conoscendo caratteristiche e dimensioni del futuro impianto Snam, la scorsa settimana Di Toro ci ha condotto in un punto in cui da bambino trovava questi strani animaletti. Maggio è un mese ideale per intercettare i tritoni prima che scompaiano. Con video e immagini abbiamo documentato la loro presenza e parte del loro areale, lo stesso in cui sorgerà l’impianto della Snam. Come quelli d’alta quota del Quarto di Santa Chiara, tra Pescocostanzo e Palena, anche i tritoni sulmonesi hanno il ventre arancione e alcuni una cresta che si drizza, senza imbarazzo, soprattutto quando amoreggiano con altri anfibi privi di dentellatura dorsale, le femmine della specie.

Tempi contingentati, abbiamo subito contattato gli esperti. Sul posto sono giunti Giovanni Diamante, già assessore all’ambiente, tra i padri fondatori della Riserva naturale regionale delle Sorgenti del Pescara a Popoli e la direttrice della riserva, Pierlisa Di Felice, vice presidente della Federazione Nazionale Pro Natura, che ha confermato la presenza del Triturus carnifex (Laurenti, 1768), ossia del Tritone crestato italiano. Pierlisa Di Felice, componente del comitato italiano Iunc (Unione internazionale per la conservazione della Natura per conto della Federazione Pro Natura) con Luciano Di Tizio, delegato per l’Abruzzo del Wwf Italia, hanno immediatamente inviato una nota al sindaco di Sulmona, Annamaria Casini invitandola a mettere in campo tutte le azioni necessarie per la salvaguardia del nucleo di Triturus carnifex in argomento, tenendo conto del fatto che nell’areale di presenza sono previsti lavori per la realizzazione della Centrale di Compressione Snam che potrebbero compromettere la sopravvivenza della popolazione di interesse comunitario recentemente censita. Per mettere al sicuro la specie, Casini procederà ad informare ufficialmente la Regione, Report-age.com ha già contatto telefonicamente, per avvisare del ritrovamento della specie a Case pente, il sottosegretario con delega all’ambiente Mario Mazzocca. Questi sono anche i protagonisti dell’importante lotta ambientalista che si combatte ora a suon di ricorsi. E la Regione Abruzzo adesso può fare la differenza per mettere al sicuro e proteggere l’areale dei Tritoni crestati sulmonesi da ufficializzare per garantire l’integrità del loro habitat, rispetto anche ai lavori che incombono sullo stesso sito e che porterebbero, se non s’interviene, ad una ulteriore rarefazione dei loro spazi: “Negli ultimi 10 anni è andato perso circa il 25% dei siti precedentemente colonizzati riscontrando una riduzione della popolazione a livello locale” scrivono Di Felice e Di Tizio al sindaco Casini (scarica in pdf dla nota).

Tritone 2 foto Maria trozzi Report-age.com 30.5.2018
Foto Maria Trozzi © Report-age.com

L’area della centrale piena di sorprese naturali. Ad agosto 2016 nel corso di una escursione ai margini del fiume Vella una scolaresca di un corso estivo trovò una Emys orbicularis, una testuggine rara. I ragazzi erano accompagnati dall’allora consigliere comunale Alessandro Lucci. Anche questa è stata una scoperta davvero interessante perché la testuggine è stata avvistata alle porte del Parco nazionale della Maiella, qualificando come unico l’ecosistema della valle Peligna, testuggine individuata nei pressi di una cava dove la Snam edificherà la centrale di compressione del gas naturale, di oltre 12 ettari e a pochi metri dalla casa di Va-lentina, così i ragazzi hanno chiamato la tartaruga osservata. La sua specie vive in colonie e, da ottobre a marzo in uno stato di ibernazione resta in acqua, preferibilmente nel fango o anche nel terreno, tra radici e vegetazione o rocce, ma sempre vicino all’acqua. Verso aprile si risveglia dal suo lungo sonno sempre se la temperatura dell’acqua raggiunge i 10 gradi centigradi, Piercarlo Di Giambattista, esperto delle Riserva delle gole del Sagittario, spiegò così l’importante ritrovamento di 2 anni fa lungo l’argine del fiume Vella, a Case pente di Sulmona (Aq).

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Centrale Snam approvata da governo illegittimo. M5S: ‘La battaglia continua dentro le istituzioni’

Valentina Versus la centrale Snam. Occorre un tracciato alternativo per il gasdotto

Galleria immagini

Tritoni Crestati

Video e immagini Maria Trozzi

Tritone Crestato Peligno

Scheda di Protezione Europea della specie

Musica: versione per pianoforte del Miserere del Vella, composto dal Maestro Alberto Vella per la morte di Re Umberto I nel 1901