Mazzocca su Agir: richieste ripetute e strumentalmente dilatorie

L’assemblea dei sindaci abruzzesi per la costituzione dell’Autorità per la gestione Integrata dei Rifiuti Urbani è programmata il 31 maggio. Questa è la risposta del sottosegretario regionale con delega ad ambiente, Mario Mazzocca, alla richiesta avanzata stamane di sospendere e rinviare la seduta Agir.

“Ad ogni convocazione o anche di fronte alla sola ipotesi di convocazione dell’assemblea, puntualmente è arrivata la richiesta di rinvio da parte di sindaci ed esponenti di centro destra, adducendo motivazioni diverse e sempre con l’evidente intento di arrivare ad ottenere matematicamente la maggioranza delle quote, sì da indirizzare l’elezione dei vertici dell’agenzia secondo il proprio orientamento – chiarisce Mazzocca – Un’istituzione, quella dell’Agir che è uno strumento imposto dalla legge nazionale e atteso dalla stragrande maggioranza delle amministrazioni locali, poiché in grado di perseguire obiettivi di razionalizzazione ed efficientamento della gestione della filiera dei rifiuti. Infatti, ho personalmente e ripetutamente sollecitato sia il Presidente che il Commissario Agir a procedere. L’assemblea dell’Agir, infatti, a completamento di una estenuante attività di commissariamento “ad acta” della Regione Abruzzo che ha interessato ben 65 Comuni (inadempienti), è stata convocata il 20 giugno riconvocata una seconda volta il 27 luglio e di nuovo rinviata su richiesta di alcuni Enti locali. In una situazione attuale di frammentazione delle gestioni tra più gestori pubblici e privati, in affidamento diretto e/o individuati a mezzo di procedure di evidenza pubblica, l’Agir persegue lo scopo di realizzare economie di gestione e applicare sistemi tariffari unitari secondo criteri di trasparenza ed evitando le attuali profonde diversità territoriali che ricadono negativamente sui costi per gli utenti. É necessario un salto di qualità a cui i sindaci tutti sono chiamati a dare un grande contributo di collaborazione per trasformare il settore in una vera industria ecologica con principi ed obiettivi di una economia circolareD’altro canto nella normale vita amministrativa degli enti locali ci sarà sempre un appuntamento elettorale (2017) o un evento che indurrà alcuni a proporre ogni volta un ennesimo differimento. Per tali ragioni riteniamo di dover soprassedere all’ennesima richiesta di rinvio e procedere all’istituzione dell’Agir, la quale si gioverà della rappresentanza dell’amministrazione della più alta maggioranza degli enti locali, la cui governance non è imperitura, ma fissata per legge, e andrà a rinnovo nei tempi previsti dalla stessa legge – conclude Mazzocca – Tutto questo non deve indurre a considerare la procedura appena ricordata un attentato alla legittima rappresentanza amministrativa”.

mariatrozzi77@gmail.com