Ranieri (M5S) sulla biblioteca: ‘La valle Peligna torni ad avere il polo libraio che merita’

Interpellanza del consigliere regionale Gianluca Ranieri (M5S) per Sulmona privata non solo del Centro di Promozione culturale e della biblioteca, ma dell’unico spazio gratuito di aggregazione che serviva tutto il territorio della valle Peligna con migliaia di utenti, studenti, associazioni ed enti ormai allo sbando.

Gianluca Ranieri Report-age.com 2017
Gianluca Ranieri

La sede storica della biblioteca, palazzo Portoghesi, per le conseguenze dei terremoti che si sono succeduti in questi anni è troppo vulnerabile e la sala dio lettura è finita in un seminterrato dello stabile degli uffici Inps poco visibile al pubblico e nella impossibilità di accogliere il patrimonio librario, composto di oltre 25 mila volumi. Ranieri ricorda che “L’allora direttore del dipartimento cultura Giancarlo Zappacosta ha pubblicamente dichiarato al momento dell’insediamento nel nuovo stabile che Circa due anni di sacrifici e, poi, con molta probabilità si tornerà nella sede di piazza Venezuela, chiusa nel maggio scorso per un basso indice di vulnerabilità sismica. Per la struttura che, non può rimanere cattedrale nel deserto, saranno stanziati nel prossimo bilancio regionale un milione e 400 mila euro. Non dubitiamo della buonafede del direttore, ma a quasi un anno dalle dichiarazioni ufficiali nulla si è più saputo sul destino di Palazzo Portoghesi – aggiunge Ranieri – Attualmente in stato di abbandono. Pertanto ci siamo visti costretti a chiedere al presidente della giunta. Luciano D’Alfonso  se sia stata stanziata la somma di 1 milione e 400 mila euro per la ristrutturazione di palazzo Portoghesi così come dichiarato durante l’inaugurazione della sede provvisoria. Cosa intenda fare il governo della regione riguardo al destino dell’edificio nonché alla futura sistemazione dell’Agenzia di promozione culturale (Apa), dell’annessa biblioteca regionale e del Centro regionale beni culturali di Sulmona, presidi territoriali di cultura e socialità. Se sia già pronto o quantomeno allo studio, un progetto di ristrutturazione e recupero di palazzo Portoghesi o, qualora ne sia stato previsto l’abbattimento, un progetto per una nuova e più adeguata struttura – conclude il consigliere pentastellato – Non è concepibile che uno spazio culturale d’importanza sociale e storica venga abbandonato. Auspichiamo che al più presto ci vengano fornite le risposte e che Sulmona, come tutta la Valle Peligna, torni ad avere il polo libraio che merita”.