Studenti in campo per la tutela del Fratino, piccolo trampoliere simbolo delle spiagge

Il mondo del Fratino è uno dei progetti di educazione ambientale che il Wwf Teramo porta avanti da tempo. Domani molti studenti scenderanno in campo per la tutela del simbolo delle spiagge. Ad aderire all’iniziativa sono anche le prime classi delle medie inferiori dell’istituto comprensivo D’Alessandro-Risorgimento. Gli alunni sono pronti a mettere in pratica quando appreso grazie alle lezioni degli insegnanti e dei volontari del Wwf Teramo che hanno illustrato le caratteristiche e le abitudini del Fratino (Charadrius Alexandrinus) specie simbolo degli ecosistemi costieri.

Giglio di mare http://i.imgur.com/n1b5NKM.jpg
Giglio di Mare
Fratino con i piccoli Report-age.com 2017
Fratino con piccoli

“Il sistema rappresentato da mare, spiaggia, duna e zona retrodunale è la struttura fondamentale che partecipa all’evoluzione dinamica della costa – dichiara Fabiola Carusi, responsabile del progetto Salvafratino per il Wwf Abruzzo – In poche decine di metri coesistono un gran numero di microambienti, habitat, nicchie ecologiche che accolgono specie animali e vegetali uniche,alcune a rischio estinzione. Queste specie partecipano alla formazione della straordinaria biodiversità di aree di transizione mare/spiaggia/duna/retroduna/macchia/pineta. Una biodiversità spesso ignorata e non rispettata, nonostante sia protetta da normative nazionali e internazionali. Lo sfruttamento della costa ha raggiunto dimensioni tali da comportare numerosi problemi e deve essere riportato a livelli di sostenibilità. L’ambiente costiero è un bene storico, sociale, culturale ed economico per l’intera collettività e in quanto tale deve essere conosciuto, salvaguardato, valorizzato, nella direzione dell’unico sviluppo possibile, quello sostenibile”. Il progetto Il mondo del Fratino si inquadra nel più ampio progetto Salvafratino Abruzzo portato avanti anche nel 2018 da Wwf Abruzzo e Area marina protetta Torre di Cerrano, in collaborazione con diverse aree protette costiere e nuclei di volontari locali come il Gruppo Fratino di Vasto (Ch), le Guide del Cerrano e del Borsacchio. Il progetto prende il via dalla tutela di questo piccolo trampoliere e consente di far comprendere ai ragazzi lo stretto legame con il territorio e le sue emergenze. Dopo le lezioni in classe per i giovani studenti è arrivato il momento di scendere in campo. Accompagnati dagli insegnanti e dai volontari del Wwf,  domani, e per 5 venerdì di seguito fino al 2 giugno, da Teramo arriveranno a Giulianova (Te) in treno e da lì, percorrendo le piste ciclabili, giungeranno in bici ad Alba Adriatica dove potranno visitare la Spiaggia del Fratino e del Giglio di Mare, nata 3 anni fa dalla collaborazione tra l’amministrazione comunale e il Wwf Teramo. Osserveranno così i diversi ambienti costieri e valuteranno gli effetti dei comportamenti dannosi dell’uomo e come, con pochi semplici azioni di tutela, sia possibile preservare e valorizzare la bellezza delle nostre spiagge.

mariatrozzi77@gmail.com