Di nuovo in carcere il Pollice verde di Introdacqua

É finito di nuovo in carcere il pollice verde arrestato dai carabinieri il 27 aprile ad Introdacqua (Aq) per coltivazione e detenzione, a fini di spaccio, di sostanza stupefacente.

L’uomo ha piantato in decine di vasi semi di marijuana e una volta cresciute molte piante sono state tagliate e, a quanto pare, vendute. Questo ancor prima dell’arrivo dei carabinieri comandati dal luogotenente Pietro Leombruni che sono comunque riusciti a recuperare i residui delle marijuana coltivata dall’uomo. Una volta convalidato l’arresto il 43enne M. B. avrebbe dovuto scontare la pena in una comunità di recupero del territorio, purtroppo però non ha rispettato i termini della misura cautelare applicatagli e così per il coltivatore di marijuana, assai noto alle forze dell’ordine, si sono riaperte le porte del carcere di via Lamaccio. Ancora nulla per le pistole rubate, sempre nei giorni dell’arresto, ad un collezionista sulmonese. Proseguono, anche fuori città, le indagini per il recupero delle armi sottratte, tutte regolarmente registrate.

Petizione per fermare i cani morsicatori. Intanto a Sulmona (Aq) è già pronta la petizioni dei residenti di via l’Aquila che chiedono un quartiere più sicuri, tranquillità persa da qualche anno perché area condominiale, strade e giardini sono frequentati solo dai cani morsicatori. La presidente dell’associazione Code felici di Sulmona, Gabriella Tunno, si è messa a disposizione per accogliere nel canile municipale i cani che incutono timore ai residenti del quartiere popolare di Sulmona. “Insieme ai residenti di Cantone di Introdacqua consegnerano al prefetto, Giuseppe Linardi una lettera per chiedere giustizia” delle angherie che tanta gente comune e animali avrebbero subito da questi animali mal custoditi, dichiara la signora Tunno. Resta il problema per i cani morsicatori di Introdacqua e se anche uno di questi è sotto stretta osservazioni per gli altri resta l’incognita e la paura. Per tutelare le vittime, (passate e future) sia che si tratti di altri animali o persone, si mobilitano in queste ore anche alcune associazioni ambientaliste regionali.

Archivio

Antidroga. Marijuana coltivata: arresto a Introdacqua e denunce, una a Pettorano