Audizione di Casini in Commissione regionale, strenua difesa del Tribunale

Sulmona (Aq). La riforma della geografia giudiziaria tiene da anni in bilico 4 tribunali abruzzesi a Lanciano, Vasto, Avezzano e Sulmona, tutti in proroga e per salvarli all’Aquila si discute delle possibili soluzioni in una Commissione regionale speciale istituita per la difesa di questi presidi di legalità.

Oggi è stata ascoltata il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, che in commissione ha ribadito l’importanza del tribunale di Sulmona in un territorio montano, realtà difficile e la soppressione del presidio di giustizia complicherebbe ulteriormente la situazione critica non solo per i collegamenti, le infiltrazioni di stampo mafioso e la presenza di un carcere ad alta sicurezza come quello di via Lamaccio. É in fase di redazione il documento di sintesi frutto delle audizioni in commissione dei primi cittadini, l’atto sarà presentato al governo nazionale per avanzare una valida alternativa alla chiusura delle sedi giudiziarie. “Solo con un’azione condivisa tra le diverse realtà coinvolte sarà possibile individuare una strategia per la soluzione – dichiara il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio – A Lanciano Vasto è stato fatto un buon lavoro e i territori si sono uniti, hanno compreso che diventa un’area geografica importante e  potrebbe diventare un bacino interessante anche la valle Peligna e la Marsica. Dobbiamo trovare la soluzione ottimale, non la soluzione”.

Annamaria Casini Foto Maria Trozzi 21.4.2018
Annamaria Casini

L’ipotesi più probabile per salvare i cosiddetti tribunali minori abruzzesi è quella dell’accorpamento. C’è unione di intenti per Lanciano e Vasto (Ch), ma in termini di competenze resta aperta la questione per Avezzano e Sulmona (Aq). “Ritengo importante favorire il confronto con tutti i soggetti interessati per individuare soluzioni condivise che portino alla salvaguardia dei presidi di legalità e di giustizia delle aree interne oggi a rischio – dichiara il primo cittadino Peligno – Proprio a supporto della nostra volontà di dialogare, senza che prevalgano posizioni tese a mettere in competizione tra loro i territori, è mia intenzione incontrare il sindaco di Avezzano, che ho provato a contattare già nei giorni scorsi, al fine di discutere in merito all’ipotesi avanzata dalla Commissione di un eventuale accorpamento con il Tribunale di Avezzano. È importante a mio avviso entrare nel merito delle singole proposte, tenendo anche in considerazione il fatto che l’unica proposta tecnica presentata finora è quella del presidente del Tribunale di Sulmona” Casini questa mattina ha partecipato, insieme al consigliere comunale Deborah D’Amico, all’audizione convocata a palazzo dell’Emiciclo all’Aquila dal presidente della commissione, Di Pangrazio, alla presenza dei vertici dei consigli dell’ Ordine degli avvocati di Sulmona, Avezzano, e Lanciano e Vasto.

mariatrozzi77@gmail.com