Protezione civile, progetto Open: 82 nuovi formatori

Ai volontari di Protezione civile, grazie ad un percorso formativo di un anno e mezzo, oggi si aggiungono 82 nuovi formatori. 

A partecipare alla cerimonia di consegna degli attestati, svolta all’Aquila, sono stati il direttore del coordinamento delle Emergenze del dipartimento nazionale di Protezione civile, Luigi D’Angelo, e il sottosegretario d’Abruzzo Mario Mazzocca: “Il percorso Formazione Formatori rappresenta una parte importante delle iniziative che la Protezione civile regionale ha rivolto ai volontari con dare un impulso innovativo al sistema del volontariato. L’attività, condotta dalla società Sinergie education di Pescara, fa parte del progetto Open Protezione civile che prevede  anche un Piano di comunicazione curato dall’Università di Teramo, facoltà di Scienze della comunicazione. Un progetto pilota, prima esperienza in ambito nazionale in grado di alimentare ed elevare il livello formativo sia sotto il profilo qualitativo che dal punto di vista quantitativo”. Elisa Antonioni, direttore generale e fondatrice di Sinergie education: “Il progetto Open ha formato 82 volontari per essere a loro volta formatori in materia di Protezione civile. Questo format nasce qui in Abruzzo e non esistono iniziative simili su scala nazionale. Tutto il team di Sinergie education è stato coinvolto nelle varie fasi del progetto e ha vissuto con grande partecipazione l’incontro col mondo dei volontari della Protezione civile, un esercito animato da passione e azione! Mi complimento con tutti i volontari per il loro impegno, per il tempo che mettono a disposizione – conclude Luigi D’Angelo – Un mondo che ha appassionato subito anche me e che ho incontrato per la prima volta a Pineto dove ho visto persone molto coinvolte. É una professione, mi rendo conto che ciò che dai è a prescindere dagli orari di lavoro e con la valigia sempre pronta per partire. Ne sono molto felice e orgoglioso.  I volontari hanno assunto oggi un impegno importante: trasferire conoscenza ad altri ma soprattutto trasferire la loro passione”.

mariatrozzi77@gmail.com