Tribunale Sulmona, la salvaguardia passa attraverso una soluzione tecnica

Annamaria Casini Foto Maria Trozzi 21.4.2018
Annamaria Casini

Sulmona (Aq). “La salvaguardia dei tribunali minori abruzzesi passa attraverso una soluzione tecnica di ben altra portata rispetto a un tentativo di accordo politico dal basso che riporta indietro di anni il tono e i contenuti della discussione” afferma il sindaco Annamaria Casini in risposta alle polemiche sull’audizione odierna alla commissione regionale per i tribunali abruzzesi. “Ci saremmo aspettati dalla Commissione una più coraggiosa impostazione che riempisse di contenuti ipotesi di riorganizzazione della geografia giudiziaria, sulle quali i territori si sarebbero potuti esprimere. Oggi invece, l’unica proposta tecnica sul tavolo della Commissione regionale è proprio quella presentata da Sulmona e dal suo comprensorio – continua il sindaco – Vista l’impostazione dei lavori data dalla Commissione, ho l’impressione che si stia percorrendo una strada  meramente politica, forse perché le elezioni regionali sono alle porte.  Malgrado il lavoro svolto finora, è bene ricordare che né la Regione né la Commissione sono competenti in merito alla determinazioni riguardo la geografia giudiziaria regionale, essendo di esclusiva prerogativa del governo a cui dovremo affidare e, dunque, promuovere le istanze. La mia assenza oggi all’audizione era stata annunciata e giustificata. Inoltre, già nella precedente audizione questa amministrazione, facendosi portavoce di un intero territorio, aveva avuto modo di apportare il proprio contributo depositando la delibera approvata dal Comune di Sulmona in un Consiglio straordinario, all’interno del Palazzo di Giustizia, unitamente a quella dei Comuni del territorio, esponendo in maniera chiara e determinata le motivazioni alla base di una battaglia contro l’assurda ipotesi di taglio dei tribunali minori, senza voler essere trascinati in competizioni tra territori – conclude il sindaco Annamaria Casini – sono aperta al dialogo e confido, pertanto, in un confronto con il sindaco di Avezzano Gabriele De Angelis e con gli altri attori del sistema finalmente su aspetti di merito”.