Il Colore dell’Inganno: nella regione verde d’Europa Guadagnoli ambienta il nuovo giallo

Non vi diremo come va a finire il secondo legal thriller di Eraldo Guadagnoli che da Scacco al re ne ha fatta di strada! Dal più prestigioso studio legale di Manhattan all’Abruzzo selvaggio, Guadagnoli è tornato alle origini così piace e stupisce e nel suo racconto ci si riconosce attorno ad territorio in cui si sviluppa un giallo dai risvolti imprevedibili. Poliziesco a tinte rosse e nere con contorni storici che si intrecciano egregiamente alla trama. Il caso è ambientato anche tra Cansano e Sulmona, nell’aquilano.

Eraldo Giadagnoli presenta a Sulmona Il colore dell'inganno foto Trozzi Report-age.com 6.5.2018Oggi con la giornalista Alessandra Prospero e la magistrale interpretazione del thriller a cura dell’attore e regista Pietro Becattini, Eraldo Guadagnoli ci ha fatto conoscere un po’ di sé e tanto della sua nuova opera letteraria Il Colore dell’Inganno (edizione Virginia 16 euro pag. 146). In questo genere letterario l’autore ha già provato di saper elaborare ottimi contenuti anche per questo si è messo alla prova  con un nuovo caso intricato e complicato. Sempre da risolvere questa volta sfruttando la genuinità del dialetto delle aree interne e intersecandolo a quello delle periferie romane degli anni ’70. Una miscela di racconti, mistero, suspance, intrighi e passione sempre più in stile Guadagnoli seguito anche e soprattutto fuori regione. Se nel romanzo di esordio l’autore aveva meravigliato, la scrittura scorrevole, essenziale ed armonica del secondo racconto convince ed appassiona. Il discorso è coerente, non inganna, è maturo. Cresce l’ansia e l’attesa nella lettura dell’elaborato del giallista abruzzese che lega il thriller alla sua regione e caratterizza il racconto, la trama, per svelare il valore del suo territorio. Tra le righe tutta la sicurezza di un uomo sempre teso allo studio, alla conoscenza e alla ricerca proficua. Alle parole Guadagnoli dà immagine e corpo con una tecnica del racconto gradita, ingegnosa che dal personaggio chiave convince e spinge oltre la stanza proiettando la lettura sulle pareti con immagini, incontri, paesaggi e storie profonde. Convince la copertina e l’elaborazione grafica affidate a Marco De Angelis.

Pietro Becattini interpreta Il colore dell’inganno 
di Eraldo Guadagnoli

Guadagnoli presenta ‘Il Colore dell’Inganno’ domani a Sulmona

Ad aprile ospite del capoluogo di regione per la presentazione alla libreria Mondadori Meridiana, domani alle ore 17.30, presentazione del nuovo romanzo di Eraldo Guadagnoli, Il Colore dell’Inganno, a Sulmona presso la sede dell’associazione culturale Borgo Pacentranoun. Pomeriggio nel segno del giallo che richiama misteriose vicende abruzzesu realmente accadute negli anni Sessanta. Tra poche ore sapremo di più della seconda fatica letteraria di Guadagnoli che si può prenotare anche a Sulmona (Aq) nella tabaccheria di via San Polo, fianco bar Marvin.

Il colore dell'inganno 2018 Eraldo Guadagnoli Report-age.comL’opera è inserita, a pieno titolo, nel filone del giallo all’italiana. Il colore dell’inganno è ambientato anche in Abruzzo, è un noir che piacevolmente tiene sospeso il lettore e lo incolla al racconto sino all’ultima parola scritta. Tutto d’un fiato si legge e il promettente scrittore sulmonese riesce a stupire davvero. Il testo scorre, il linguaggio efficace e libero dell’autore regala momenti di suspense e segreti da scoprire, pian piano. Ottimo durante le vacanze. Questo grazie a un sapiente intreccio di trama e colpi di scena continui. Un ricco vocabolario e una corposa preparazione storica consente a Guadagnoli un ulteriore salto di qualità nel racconto mostrando con sottile intelligenza luci e ombre della provincia italiana (Aggiornamento).

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Menzione al Premio Pegasus per ‘Il Colore dell’Inganno’ di Guadagnoli. Il 21 aprile presentazione ufficiale

Una risposta a "Il Colore dell’Inganno: nella regione verde d’Europa Guadagnoli ambienta il nuovo giallo"

I commenti sono chiusi.