Avezzano scippa all’Aquila il Polo logistico di Protezione civile nato per la polveriera di monte San Cosimo di Pratola

Pescara. Tra i 2 litiganti il terzo gode per il Polo logistico della Protezione civile, attualmente individuato a Roma. Nato per la polveriera di monte San Cosimo a Pratola Peligna (Aq) poi scippato per essere riadattato all’aeroporto di Preturo dell’Aquila, a quanto pare, sarà realizzato ad Avezzano (Aq). Per il Polo logistico di Protezione civile, la richiesta alla Regione Abruzzo di spazi nel centro smistamento merci marsicano è stata formalizzata da Angelo Borrelli, capo dipartimento nazionale della Protezione civile. In riunione ieri a Pescara per decidere di realizzare il polo nel capoluogo marsicano erano il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, il presidente dell’Azienda regionale attività produttive (Arap) e la rappresentante della Croce rossa italiana Maria Teresa Letta.

Foto Maria Trozzi Colle San Cosimo Report-age.com 2018
Cartolina del Comitato cittadini valle Futura Foto Maria Trozzi  Report-age.com

“L’Abruzzo non ha bisogno di follie politiche – commenta la scelta il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci – Avezzano fa parte della strategia messa in campo, assieme al sottosegretario Mario Mazzocca, ma non posso accettare che all’aeroporto di Preturo nel capoluogo di Regione venga riservata solo una vaga e approssimativa rassicurazione. Scelte di queste genere devono tenere conto di un approccio complessivo- consinua Pietrucci – Se Avezzano è la sede giusta per la sua centralità come interporto, è giusto che l’aeroporto dell’Aquila sia valorizzato, nell’ambito dello stesso percorso, per le sue peculiarità e potenzialità. Assieme a Mazzocca lo scorso anno proponemmo che l’aeroporto di Preturo diventasse un polo di riferimento della Protezione civile, intanto regionale ma soprattutto nazionale, con competenze per tutto il Centro Italia, per il contrasto alle emergenze. Si pensava innanzitutto al soccorso alpino e allo spegnimento degli incendi. Abbiamo già dimenticato gli incalcolabili danni che patirono i nostri territori solo pochi mesi fa? Tanto più che è in corso già una collaborazione tra la Regione e il Comune con l’utilizzo di un capannone”. Si dimentica però che a bruciare, dal 20 agosto scorso e per una ventina di giorni,  è stato soprattutto monte Morrone, in valle Peligna, dove il progetto è nato anni prima per smilitarizzare il sito di colle San Cosimo e convertilo a scopi di pace. Se si fosse intervenuti in tempo, quella domenica pomeriggio con personale sul posto specializzato, forse qualcosa in più si poteva salvare sulla montagna sacra a papa Celstino V.

Roberto Santilli

Il rappresentante del Comitato che da anni, in valle Peligna, porta avanti il progetto per la realizzazione del Polo logistico di protezione civile nel deposito di San Cosimo, Roberto Santilli interviene criticando aspramente il furto dell’idea: “Ringrazio il presidente neo senatore (minuscole volute) D’Alfonso per l’ ennesimo furto perpetrato ai danni del nostro territorio. Ora non ci tolgono solo i servizi e gli enti, che è già grave, ci rubano anche le idee ed i progetti. In passato ho sentito lamentele nei nostri confronti perché da questo territorio non venivano proposte. Ora che c’è, ce la rubano a favore di altri territori creando ulteriori divisioni politiche, sociali ed economiche nel silenzio generale. Vergogna“. 

“Confido che non ci sia bisogno di forme di protesta più accese e politicamente più destabilizzanti – aggiunge invece Pietrucci per la messa all’angolo, nel progetto, per l’aeroporto di Preturo – Invito  perciò il presidente della giunta regionale, Luciano D’Alfonso, a fermarsi e riflettere: prima che si scelga Avezzano, si faccia in modo che anche Preturo abbia spazio e competenze. Le due sedi devono marciare insieme: ha senso cogliere un’opportunità del genere in modo così disordinato, senza la discussione e la condivisione di un progetto che può dare benefici a tutte le aree interne? Si approvi immediatamente la delibera che abbiamo costruito da 2 anni assieme al sottosegretario Mazzocca che prevede una strategia complessiva di Protezione civile regionale con al centro l’aeroporto di Preturo come Centro di Protezione civile nazionale in interconnessione con l’interporto di Avezzano, con la centrale unica del 118 che sta per essere realizzata all’Aquila e con l’interporto della cara Manoppello” per la valle Peligna invece non ci sono santi a cui votarsi.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Polo logistico di Protezione civile a San Cosimo, mezzo progetto dirottato all’Aquila

Polo logistico Protezione civile: si lavora su Preturo, sfuma l’ipotesi di colle San Cosimo

Santilli ai sindaci: insieme per il Polo logistico Protezione civile a San Cosimo. Progetto inserito nel programma regionale

Polo Protezione civile: Preturo versus San Cosimo. Santilli: ‘I sindaci chiedano la smilitarizzazione del colle’

Riconversione San Cosimo: ‘Dipende dalla Regione’ così Gentiloni, ma tutto Tace

Polveriera San Cosimo il progetto di riconversione arriva al sottosegretario Mazzocca

Polviera monte San Cosimo: storia e segreti del deposito militare della valle Peligna