Domenico Pettinari, consigliere regionale Movimento 5 stelle

Criminalità e abusivismo nelle case popolari: la legge contesa

“Il consigliere Sospiri dovrebbe alzarsi e andare un po’ più sul campo. Solo così potrà capire quali sono le reali necessità dei cittadini che abitano in quartieri periferici tenuti in ostaggio dai criminali che occupano, spesso abusivamente, gli alloggi di edilizia residenziale pubblica” è il commento del consigliere regionale Domenico Pettinari (M5S ) alla nota di Lorenzo Sospiri (FI), all’opposizione in Regione, che rivendica la paternità concettuale di una legge presentata, giorni fa, dal M5S per risolvere il problema della criminalità e dell’abusivismo nelle case popolari abruzzesi. 

Per i gravi problemi dei residenti delle case popolari “Centro destra prima e centro sinistra poi, hanno preferito abbozzare testi di legge di rappresentanza, fermo restando poi proporre le sanatorie per legittimare gli occupanti senza titolo. Non accettiamo nessuna lezione da chi è stato partecipe di questo stato di cose – scrive in una nota Petinari – Se Sospiri si fosse recato in alcune periferie calde si sarebbe reso conto che la legge, da lui presentata ed abbozzata sulla base degli emendamenti del M5S, manca però di passi salienti come la sinergia tra enti e fornitori di utenze gas e luce, per evitare che nelle case occupate sia possibile attivare i servizi – puntualizza il consigliere Pettinari – Manca inoltre l’estensione della legge regionale 96/96 ai locali limitrofi alle abitazioni dove spesso vengono nascoste le sostanze stupefacenti spacciate. Inoltre manca tutta quella fase di proposta extra-legge che il M5S intende realizzare con il supporto delle associazioni. Insomma manca una serie di punti cruciali che solo ascoltando direttamente la cittadinanza possono possono essere messi in campo. Martedì presenteremo una serie di emendamenti aggiuntivi alla legge avanzata da Forza Italia e se le buone intenzioni di Sospiri vanno al di là dell’annuncio mediatico saremo disponibili ad una discussione sul tema”.

mariatrozzi77@gmail.com