Strisce verniciate sulle foglie. Svelato il mistero della segnaletica orizzontale che scompare subito dalla carreggiata

Sulmona ( Aq). La pavimentazione stradale non è stata pulita né liberata da terriccio e fogliame prima di pennellare le strisce che delimitano la carreggiata su via Ancinale. Così sembra e allora un colpo di spugna o un piede, strisciato sulla linea, basta per cancellare la passata di bianco. Non è un barbatrucco, ma un trucco da barbari l’ennesimo lavoro pubblico andato a male per poca attenzione e cura nell’intervento. ‘E io pago!’ esclama adirato ogni onesto cittadino. A rivelare il fatto, in un post su Facebook, é Pasquale Di Toro, imprenditore edile impegnato a svelare le tante magagne sui lavori pubblici eseguiti in città, noto per la pulizia dalla neve lurida attorno alla statua di piazza XX Settembre che rappresenta il poeta latino Ovidio, illustre cittadino sulmonese che nell’8 dopo Cristo (d.C.) fu relegato a Tomis, attuale città di Costanza, in Romania. L’intervento è costato a Di Toro una multa per non aver chiesto un permesso, per l’ingresso in centro storico con il mezzo da lavoro, e dei punti decurtati dalla patente di guida, e ancora altro.

mariatrozzi77@gmail.com