Mazzocca codice Protezione civile Report-age.com 2018

Seminario a Pineto con Mazzocca per il nuovo Codice della Protezione Civile

Pineto (Te). Riforma della Protezione civile e pianificazione di Emergenza è il titolo dell’incontro organizzato da Anci Abruzzo incentrato sulle attività formative rivolte ad amministratori ed tecnici comunali.

La massiccia adesione all’evento ha costretto gli organizzatori a tenere il seminario, originariamente previsto a villa Filiani, nel capiente Teatro polifunzionale di largo Fava. Dopo i saluti introduttivi di Robert Verrocchio, sindaco di Pineto, e Luciano Lapenna, presidente Anci Abruzzo, è intervenuto il sottosegretario regionale Mario Mazzocca, introducendo i temi della giornata e anticipando l’oggetto della discussione inerente Il nuovo Codice della Protezione civile – principali disposizioni di interesse per i ComuniIl sottosegretario Mazzocca ha sottolineato come “con la pubblicazione in gazzetta del decreto legislativo 1 del 2 gennaio dal titolo Codice della Protezione civile, il governo ha dato attuazione alla legge 30/2017 con la quale il Parlamento lo aveva delegato a dare un nuovo assetto complessivo alla Protezione civile, finora regolata da una legge del 1992, più volte modificata in modo estemporaneo, con la conseguenza di avere uno strumento normativo non adeguato a fronteggiare le emergenze verificatesi con inquietante frequenza, soprattutto in Abruzzo, nell’ultimo biennio. Bene ha fatto l’Anci Abruzzo, che voglio ringraziare in modo non formale, a organizzare con tempestività questa giornata di formazione, soprattutto perché tra le numerose e importanti novità introdotte dal nuovo codice ci sono alcuni aspetti che riguardano direttamente i sindaci, i Comuni, le unioni dei comuni e il loro ruolo come componenti del Servizio nazionale di Protezione civile. É evidente come sia necessario approfondire novità e precisazioni introdotte, anche in relazione alla disciplina della partecipazione dei cittadini e del volontariato organizzato di Protezione civile. Auspico che alle norme segua anche sostanza, ovvero che le risorse finanziarie e gli strumenti organizzativi siano d’ora in poi adeguati rispetto alle funzioni che il sistema della è chiamato a svolgere”. La 2a sessione dell’incontro ha focalizzato l’attenzione sul tema Pianificare l’emergenza nei Comuni “La regione ha fatto spesso i conti con le calamità e le emergenze. Abbiamo sempre necessità di lavorare con le norme e con i piani di Protezione civile – ha dichiarato Luciano Lapenna, presidente Anci Abruzzo – Ci sono importanti novità. In questi giorni è stato varato il nuovo Codice della Protezione Civile: ci sono nuove norme che investono il lavoro delle amministrazioni comunali e la predisposizione dei Piani di emergenza.per questo una giornata di formazione dedicata a questi temi”.