La Val di Sangro prepara il presidio per dire No all’impianto di rifiuti sanitari

Atessa (Ch). Giovedì alle ore 10 è in programma a L’Aquila, presso gli uffici regionali di via Salaria antica Est, la conferenza dei servizi per l’autorizzazione di un impianto di trattamento di rifiuti ospedalieri in contrada Saletti di Atessa (Ch)che sarebbe destinato a trattare 20 mila tonnellate l’anno di rifiuti sanitari a rischio infettivo e 4 mila 500 tonnellate l’anno di rifiuti pericolosi.

Il territorio ha respinto il progetto, considerandolo una vera e propria beffa dinanzi al ridimensionamento dell’assistenza sanitaria e dell’ospedale. Non saranno solo abruzzesi i rifiuti sanitari da smaltire nell’impianto, la regione verde dei parchi produce complessivamente meno di 1/4, circa 4 mila tonnellate l’anno, di quelli che dovrebbero essere trattati nell’impianto. Nell’assemblea del 6 marzo i cittadini e l’amministrazione comunale con le associazioni Legambiente, Noimessidaparte e Wwf, hanno concordato sul No categorico al progetto per il trattamento di rifiuti. Per dare concretezza al No il 15 marzo alle ore 10 i cittadini sono chiamati a manifestare dinanzi gli uffici della Regione con un presidio che si faccia sentire durante la conferenza di servizi. “L’impianto ha acceso una discussione tra i cittadini che hanno riconosciuto l’importanza di una gestione complessiva dell’intera val di Sangro e dell’area industriale per la quale c’è bisogno di una programmazione che possa creare una possibile armonia tra industrie e ambiente, tenendo nel giusto conto le esigenze e le opinioni dei cittadini e di coloro che sono stati eletti per rappresentare la comunità locale” conclude il presidente del movimento Marco Severo. Per info e adesioni noimessidaparte@gmail.com.