Incontro su Bretella ferroviaria, ma di quale ‘valorizzazione’ si tratta!

Sulmona (Aq). Tra quelli chiusi, il presidio di sicurezza della Polizia ferroviaria sulmonese dà prova, se ce ne fosse ancora bisogno, di uno scalo ferroviario declassato ormai terra di conquista solo quando fa buio. Più scuro della mezzanotte in valle Peligna può essere se l’amministrazione comunale, ingenuamente o scientemente, spalanca le porte al progetto che decreta la morte della stazione Peligna, fino a ieri la seconda in Abruzzo per traffico di passeggeri, purtroppo relegata al ruolo di scalo centrale delle aree interne dove  sappiamo che, eccetto qualche rara eccezione, le stazioni sono chiuse da tempo. 

Aggiornamento

Per i viaggi turistici in alta quota, sulla Sulmona Carpinone, il succo è che non sono economicamente accessibili a tutti e preludono probabilmente ad una privatizzazione della linea montana che non sarà certo alla portata di chi ha bisogno di spostarsi in economia. 

Così l’amministrazione locale dimostra di non conoscere o non saper leggere delle opportunità del Corridoio 5, per lo sviluppo di commerci e collegamenti internazionali supportato da finanziamenti dell’Unione europea, tra le cui tappe naturali c’è proprio Sulmona (Aq), se non fosse per le forzature aquilane con cui si prova a convincere che da Roma per arrivare a Pescara si fa prima passando per l’Aquila, sempre per il trasporto su ferro. Proprio su questo aspetto riflette il segretario regionale del Partito socialista italiano, Massimo Carugno, che prende nota dell’incontro del pomeriggio, quello guarnito dagli amministratori locali con parole stucchevoli come Valorizzazione della stazione e bretella ferroviaria di Santa Rufina. Ad indorare la  pillola oggi ci saranno il direttore territoriale produzione di Ancona per Rfi, Giulio Del Vasto e Ciro Napoli, referente della direzione investimenti Progetti Sud. “Sembra che verrà qualcuno da fuori, dagli alti piani della azienda ferrovie, a spiegarci che la bretella ferroviaria è un regalo invece di essere uno sfregio – interviene Carugno della segreteria nazionale del Psi – Sul perché questo intervento è inutile, dannoso, offensivo ed è uno sperpero di denari pubblici mi sono già espresso più volte ed in maniera diffusa in queste ultime settimane. Il vero motivo segreto della sua realizzazione e Le sue implicazioni sul Corridoio5 e sui tentativi di deviarlo dal suo tracciato naturale sono state ampiamente illustrate. É doloroso che l’artefice di questa cena delle beffe, nella quale saranno serviti fiori di pascolo di origine bovina facendoceli passare per profiterole al cioccolato, sia proprio chi dovrebbe guidare il dissenso, la protesta e la ferma opposizione a tale scempio Ne renderà conto alla città al momento opportuno – continua il segretario regionale Psi – La neoeletta senatrice Gabriella Di Girolamo, alla quale va il mio sincero in bocca al lupo, unica parlamentare di questo territorio, dovrà occuparsi anche di questo, della centrale Snam, dell’Ospedale, del Tribunale, della coesione del territorio, dei collegamenti infrastrutturali all’interno del comprensorio e tra il comprensorio e l’esterno, della crescita e sviluppo delle attività culturali, della salvaguardia del patrimonio monumentale, della tutela e sviluppo di quello ambientale, del funzionamento dei parchi, della occupazione, delle Piccole e medie imprese  ..e mi fermo qui per non tediare. Per fare questo dovrà uscire dal blog e dagli slogan. Spero, per il bene del paese e di questo nostro territorio, che il 4 marzo non diventi una delle date da annotare nella cronologia dei disastri.  Colgo l’occasione per ringraziare tutte le persone che hanno ritenuto di darmi fiducia con il loro consenso e coloro che pur non avendolo fatto, hanno comunque pensato di farlo. La loro stima, manifestata in un clima così ostile e sfavorevole, resta per me, una grandissima soddisfazione. Per aspera ad astra” attraverso le asperità sino alle stelle.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Gentile sulla Bretella: Sulmona da II scalo d’Abruzzo a centrale di collegamento su ferro del comprensorio interno

Valorizzazione della stazione ferroviaria e bretella mercoledì incontro a Municipio