Nella morsa del gelo strade e scuole delle province abruzzesi.

Abruzzo nella morsa del gelo, temperature rigide anche se è tornato il sole, la viabilità è abbastanza buona, ma si raccomanda massima prudenza sulle strade e soprattutto per chi si muove nei centri storici. Pericolo non ancora scampato perché è previsto l’arrivo di un’altra perturbazione per il pomeriggio che interessa anche l’entroterra.

Fiume Vella Sulmona foto Maria Trozzi Report-age.com 2018

All’Aquila il sindaco Pierluigi Biondi ha deciso per la riapertura delle scuole domani così anche il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini. Aperte già da oggi le scuole a Tagliacozzo e domani aperte anche a Pacentro. La Prefettura dell’Aquila ha disposto, con decorrenza immediata, la cessazione del divieto di circolazione dei mezzi pesanti (veicoli commerciali con massa complessiva a pieno carico superiore a 7,5 tonnellate) su tutte le strade extraurbane della provincia, compresa la rete autostradale. Il provvedimento di limitazione della circolazione era stato emesso domenica, ma tenuto conto che la circolazione sulle strade della provincia presenta aspetti di minore criticità e ravvisata la sussistenza dei presupposti che consentono la revoca del divieto di circolazione dei mezzi pesanti.

Sole anche in provincia di Teramo con viabilità regolare sulle principali arterie, l’intervento preventivo di decine di mezzi spazzaneve e spargisale ha scongiurato la formazione di ghiaccio, scuole aperte domani almeno nel capoluogo di provincia perché la situazione non è tale da giustificare l’ulteriore sospensione dell’attività didattica, così ha deciso il commissario prefettizio, Luigi Pizzi. Chiusi gli impianti sciistici di Prati di Tivo, dove si sono registrate temperature che hanno superato i 15 gradi sotto lo zero e dove permane il pericolo di valanghe.

Chieti e Lanciano si è fortemente orientati a riaprire le scuole domani, ma l’ulteriore perturbazione annunciata per questo pomeriggio, dalle ore 16 alle 20, mette in attesa i sindaci Umberto Di Primio e Mario Pupillo. A Vasto e Fossacesia invece è stata prorogata anche per domani l’interruzione dell’attività didattica.

Si allontana il rischio di nuove precipitazioni nel pescarese dove preoccupa però la formazione di ghiaccio. In arrivo altre 72 tonnellate di sale a Pescara, oltre 60 quelle che il Comune di Pescara ieri ha utilizzato e la colonnina di mercurio ha fatto registrare -2 gradi di temperatura nel capoluogo adriatico. Senza sosta gli operai del Comune che stanno spargendo sale in prossimità delle scuole che potrebbero riaprire.