Abruzzo 6 mila 400 abitanti in meno e la popolazione invecchia

La popolazione è passata da 1 milione 322 mila 200 abitanti a fine dicembre 2016 ad 1 milione 315 mila 800 al 31.12.17, l’Abruzzo perde 6 mila 400 abitanti. La flessione -0,48% è pari al triplo di quella italiana-0,16% ed è stata superiore anche alla media percentuale di diminuzione della popolazione registrata nel Mezzogiorno -0,39% . Tirate le somne l’Abruzzo è al quintultimo posto della graduatoria nazionale. I dati sono stati elaborati dall’analista Aldo Ronci in base ai dati Istat pubblicati l’8 febbraio (Indicatori demografici – Stime per l’anno 2017). 

Grafico demografia in Abruzzo 8.2 dati Istat Report-age.com 2018
Grafico demografia in Abruzzo dati Istat 2017

Oltre alla flessione percentuale totale della popolazione hanno segnato valori inferiori sia a quelli italiani che a quelli del mezzogiorno anche il decremento percentuale naturale (differenza tra nascite e morti) e la riduzione percentuale migratoria verso l’estero. Al 31.12.13 la popolazione abruzzese segnava 1 milione 333 mila 939 abitanti mentre al 31.12.17 diventano 1 milione 315 mila 800 registrando una flessione di ben 18 mila 139 unità. In valori percentuali il decremento ha segnato il -1,36% valore pari al triplo del -0,47% nazionale e, anche in questo caso, inferiore anche al -1,08% del Mezzogiorno. L’Abruzzo dal 2014 al 2017 e per il IV anno consecutivo perde abitanti, nel 2014 ne perse 2 mila 365, nel 2015 – 5 mila 61, nel 2016 – 4 mila 313 e nel 2017  – 6 mila 400. In valori percentuali tutti e 4 i decrementi sono superiori a quelli medi italiani. Nel 2014    (Abr -0,18%; It +0,02%), nel 2015    (Abr -0,38%; It -0,21%), nel 2016    (Abr -0,32%; It -0,13%) e nel 2017    (Abr -0,48%; It -0,16%). L’Abruzzo  decresce dell’1,36% a fronte dello 0,47% italiano con una tendenza ad un aumento del divario rispetto ai dati medi nazionali. La popolazione di 65 anni e oltre (indice di vecchiaia) In Abruzzo nel 2017 la popolazione di 65 anni e oltre è stata pari al 23,5% del totale contro il 22,6% nazionale. Il divario tra l’indice di vecchiaia abruzzese e quello nazionale purtroppo non si riesce a ridurre e permane ormai da moltissimi anni.

 La popolazione in Abruzzo nel 2017

Fig. 1 Demografia Abruzzo Report-age.com 2018
Fig. 1

La popolazione abruzzese è passata da 1.322.200 abi-tanti al 31.12.16 a 1.315.800 al 31.12.17 regi-strando un de-cremento di 6.400 abitanti.

 

 

 

Fig. 2 Demografia Abruzzo Report-age.com 2018
Fig. 2

In valori per-centuali la flessione dello 0,48% della po-polazione abruz-zese è stata il triplo di quella italiana che ha segnato -0,16% e comunque è stata superiore anche al -0,39% del mezzogiorno.


La popolazione in Abruzzo dal 2014 al 2017

Al 31.12.13 la popolazione a-bruzzese segnava 1.333.939 abi-tanti mentre al 31.12.17 diven-tano 1.315.800 registrando una flessione di ben 18.139 unità.

 

 

 

Demografia Abruzzo Report-age.com 2018
Fig. 4

In valori per-centuali il de-cremento ha segnato il -1,36% valore pari al triplo del -0,47% nazionale.

 

 

 

La popolazione in Abruzzo nel 2014, nel 2015, nel 2016 e nel 2017

Fig.5 Demografia Abruzzo Report-age.com 2018
Fig. 5

Per il quarto anno consecutivo l’Abruzzo perde abitanti:

  • – 2.365
  • – 5.061
  • – 4.313
  • – 6.400

 

Fig. 6 Demografia Abruzzo Report-age.com 2018
Fig. 6

In valori per-centuali tutti e quattro i decre-menti sono superiori quelli medi italiani:

2014 (Abr -0,18%; It +0,02%)

2015 (Abr -0,38%; It -0,21%)

2016 (Abr -0,32%; It -0,13%)

2017 (Abr -0,48%; It -0,16%)

 

Fig. 7 Demografia Abruzzo Report-age.com 2018Come già detto per il quarto anno consecutivo l’Abruzzo segna valori peggiori di quelli medi nazionali e dal 2014 al 2017 decresce del-l’1,36% a fronte dello 0,47% ita-liano con una tendenza ad un aumento del divario rispetto ai dati medi nazionali.

 

Fig. 8 Demografia Abruzzo Report-age.com 2018
Popolazione 65 anni ed oltre Fig. 8

La popolazione di 65 anni e oltre (indice di vecchiaia). In Abruzzo nel 2017, la popo-lazione di 65 anni e oltre è stata pari al 23,5% del totale contro il 22,6% nazionale. Il divario tra l’indice di vecchiaia abruzzese e quello nazionale purtroppo non si riesce a ridurre e permane ormai da parecchi anni.