Incendio alla SerPlast criticità ambientale limitata all’area del capannone e conclusa

Cellino Attanasio (Te). Sulla base delle evidenze analitiche, la situazione di criticità ambientale può ritenersi limitata all’area del capannone che ha preso fuoco e si è conclusa con lo spegnimento del rogo. Questo risulta dagli esiti delle analisi riportati nella relazione tecnica prodotta dal laboratorio del Distretto provinciale dell’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta) che ha analizzato i 3 campioni di aria prelevati la mattina del 14 febbraio dai tecnici del Distretto di Teramo sul luogo dell’incendio divampato nel capannone della ditta SerPlast.

Serplast incendio Cellino attanasio (Te) Report-age.com 14.2.2018La notte tra il 1314 febbraio è andato in fumo del materiale plastico triturato conservato nei big bag nello stabilimento della Serplast che ha una superficie di circa 2 mila 500 m². L’azienda non è iscritta a Confindustria e ha un altro stabilimento a Canzano (Te) è in attesa di via libera per ampliare l’attività di trattamento ad altro genere di materiale plastico. L’incendio nella SerPlast è il terzo nel teramano dopo quelli del locale Asl di contrada Casalena e dell’ex Cirsu di Notaresco. Scavando nel recente passato  del teramano non si dimenticano gli incendi dell’azienda Italpannelli di Ancarano (Te) di  marzo 2016, le fiamme nel capannone dell’Am Consorzio sociale servizi per l’ambiente a Scerne di Pineto (Te) del novembre 2016 e il rogo dello stabilimento Richetti a Sant’Atto di Teramo, fine di giugno 2017.

Relazione Arta incendio SerPlast

Scarica qui il file in Pdf 

Archivio

Incendio alla Serplast, il terzo inquietante rogo dall’inizio dell’anno nel Teramano