Skip to content

Incendi nelle scuole. Alla Togliatti almeno 3 focolai accesi, diverso il rogo al De Nino Morandi

Sulmona (Aq). Bisognerà attendere qualche giorno per saperne di più sul rogo di ieri alla scuola di viale Togliatti, ma 2 elementi sono chiari. In primis l’incendio è doloso che non sembra collegabile, per modo e caratteristiche, al rogo sviluppato in un locale di servizio della palestra dell’istituto tecnico commerciale, dello scorso dicembre.

Aggiornamento

Scuola Togliatti incendio 12.2.2018 scientifica Foto Maria Trozzi Report-age.com 2018 (1)

Scientifica Scuola Togliatti 13.2.2018 Foto Trozzi

Scuola Togliatti incendio 12.2.2018 scientifica Foto Maria Trozzi Report-age.com 2018 (2)

Vigili del fuoco e Polizia di Sulmona ieri sono intervenuti attorno alle ore 19.30, i primi hanno spento le fiamme al secondo piano, le operazioni hanno richiesto un’ora abbondante di intervento. La Polizia ha proceduto ad alcuni rilievi per quanto è stato possibile operare durante l’emergenza. Su via Togliatti si avverte anche oggi odore di bruciato, simile a plastica in fumo. L’edificio che accoglieva la scuola primaria Lombardo Radice è chiuso da 5 mesi, i giovanissimi studenti sono ospitati, per il momento, nell’edificio giallo dell’area artigianale che ha ospitato in passato anche gli uffici Asl e le altre scuole cittadine alle prese con i problemi di vulnerabilità e adeguamento sismico. Ieri sera a bruciare sarebbe stato del materiale da cantiere depositato nell’edificio. Due le ditte impegnate per la ristrutturazione dell’immobile. Una ha chiuso i battenti appena pochi giorni dall’avvio dei lavori, ad agosto. Come mai? Avrebbe problemi economici. Al secondo piano l’acqua versata sul fuoco, sviluppato in almeno 3 focolai, ora forma una piscina sul pavimento che complica le analisi della Polizia scientifica. Parte del materiale difficilmente incendiabile, per la copertura dell’edificio, è andato bruciato. Si contano danni per qualche migliaia di euro.
Scuola Togliatti incendio 12.2.2018 scientifica Foto Maria Trozzi 2Report-age.com 2018 (2)
Altro materiale è imballato e accantonato nell’area verde attigua all’istituto, in un angolo del campetto di palla canestro. Questa mattina la Scientifica di Sulmona ha eseguito altri sopralluoghi con rilievi e controlli sull’area che ha preso fuoco, l’incendio è di origine dolosa. Potrebbe trattarsi di una incursione di qualche ragazzetto finita male. Vandali? Difficile dirlo anche perché gli ingressi alla struttura sono innumerevoli ed è un rebus capire se qualche serratura, tra finestre e porte, sia stata forzata per entrare. Non ci sarebbero grandi segni di effrazione, ma le analogie che ieri si intravedevano tra questo e il rogo del 28 dicembre, all’istituto per geometri e ragionieri, tornano in ombra. L’incendio al De Nino Morandi non sarebbe di origine dolosa. Lo stato di abbandono in cui versa l’edificio tra via D’Andrea e via Bafile, stesso quartiere, avrebbe creato le premesse per l’incendio sviluppatosi, sempre in un tardo pomeriggio, in uno sgabuzzino della palestra. Probabilmente a causa di alcuni fili scoperti dell’impianto elettrico, attivo e l’allarme nell’edificio ha cominciato a suonare in ritardo quella stessa sera di dicembre.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Incendio alla Lombardo Radice di via Togliatti, bruciano le Scuole di Sulmona

Incendio alla Palestra del De Nino Morandi, il giallo del Cortocircuito

Incendio Palestra de Nino Morandi. Le prime immagini dei danni ai locali della scuola

1 commento »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: