Piero Di Carlo Report-age.com 2018

Darwin Day sui Cambiamenti climatici con il professor Di Carlo impegnato anche sulla vicenda Centrale di spinta Snam a Sulmona

Chieti. Torna il Darwin day organizzato dal Wwf Chieti-Pescara e dal Museo universitario in collaborazione con la sezione Abruzzo e Molise della Societas herpetologica italica e il Liceo scientifico Masci. Martedì grasso nell’auditorium del Museo si parte alle ore 9.30 per informare studenti e cittadini, sino a esaurimento posti.

Piero Di Carlo Report-age.com 2018
Piero Di Carlo

Il Darwin Day si celebra in tutto il mondo con migliaia di eventi dedicati alla scienza e all’evoluzione organizzati in ogni angolo del pianeta, concentrati soprattutto nella settimana in cui ricorre il compleanno di Charles Darwin (nato il 12 febbraio 1809). L’argomento scelto quest’anno per l’incontro di Chieti è di strettissima attualità. Interverrà Piero Di Carlo, ricercatore di Fisica per il sistema Terra e per il mezzo Circumterrestre, impegnato dal Comune di Sulmona anche sulla questione del progetto Rete adriatica della Snam per valutare quanto e quale inquinamento determinerà alla porta dei Parchi la centrale di spinta che la multinazionale intende costruire a Case pente, in una località già colpita dagli incendi di agosto, soggetta ad inversione termica e di certo senza ricambi d’aria. Di Carlo parlerà martedì di Cambiamenti climatici. Quale futuro ci attende?. Il suo intervento sarà preceduto dai saluti del direttore del museo Luigi Capasso e della presidente del Wwf Chieti Pescara, Nicoletta Di Francesco, occasione anche per ricordare il significato del Darwin day e la figura del grande scienziato. I cambiamenti climatici rappresentano oggi una delle maggiori minacce per la natura, con un impatto di rilievo su milioni di persone, soprattutto su coloro che vivono nelle aree vulnerabili del pianeta. Nessuno sulla Terra può restare indifferente. La comunità scientifica da tempo ha raggiunto un consenso pressoché unanime sul fatto che il cambiamento climatico è già in atto. Ora finalmente molti governi e aziende stanno cominciando ad intervenire per contrastare il peggioramento delle condizioni. La Comunità Europea chiede l’elaborazione urgente di Pacc, Piani di adattamento ai cambiamenti climatici a tutti i livelli. L’Abruzzosi è affidata a Piero Di Carlo, fisico dell’atmosfera.

mariatrozzi77@gmail.com