Parco d’Abruzzo, depuratore di Pescasseroli su Striscia, Alba: ‘Evitiamo altro consumo di suolo’

Pescasseroli (Aq). Non ci sarebbe bisogno di consumare altro suolo per il nuovo depuratore, negli spazi da recuperare nel comune montano c’è il necessario per mettere in piedi la struttura,  perché andare oltre? 

Ancora proteste per le deroghe volte a posizionare l’impianto di depurazione di Pescasseroli oltre il confine di edificabilità definito per la località montana. E mentre gli animi si surriscaldano, la vicenda finisce su striscia la notizia, programma d’intrattenimento su Canale 5 (Reti Mediaset). Ernesto Paolo Alba, presidente della Dmc Alto Sangro Turismo,  punta a spreco e rifiuti zero e sulla vicenda sottolinea che il paese, capitale del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, ha bisogno della necessaria urbanizzazione territoriale anche per la depurazione che è da individuare entro i limiti, senza andare oltre. Dopo quasi 30 anni di battaglie, ora per la realizzazione dell’opera sono imposti tempi brevissimi al commissario incaricato dal ministero. Per il depuratore cittadino non sono stati sufficienti, commissariamento e condanna alla Commissione Europea, le amministrazioni locali che si sono succedute hanno superato se stesse per sostituire l’impianto esistente.

mariatrozzi77@gmail.com