Una misura cautelare al giorno, arrestato dai Carabinieri di Spoltore

Spoltore (Pe). Ha collezionato un’ordinanza al giorno. Questa la media delle notifiche di misure di sicurezza eseguite dai Carabinieri nei confronti di un pregiudicato impenitente. Ora G. M. 43 anni tossicodipendente, residente a Cappelle sul Tavo (Pe) è ristretto in una casa di cura e custodia. I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal tribunale di Pescara, su richiesta della Procura della Repubblica che ha condiviso in pieno le risultanze investigative prodotte dai Carabinieri di Spoltore che hanno arrestato il pregiudicato, accusato anche di maltrattamenti in famiglia.

Ricostruendo la recente storia del 43enne, la prima ordinanza scaturisce perché il pregiudicato  ha violato spesso la misura di sicurezza della libertà vigilata cui è sottoposto. I militari dell’Arma lo hanno più volte sorpreso al di fuori del Comune di residenza mentre faceva uso di stupefacenti. La seconda ordinanza scaturisce da un’ulteriore attività d’indagine condotta dai Carabinieri della locale Stazione, avviata maggio scorso. L’uomo si è reso responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia perpetrato nei confronti dei genitori che con lui convivono nella stessa abitazione. Violento e minaccioso il 43enne è arrivato persino a minacciare la madre con un coltello da cucina per di farsi consegnare il denaro necessario per l’acquisto di droghe e alcolici. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato ristretto presso una casa di cura e custodia, in provincia de L’Aquila, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

mariatrozzi77@gmail.com