Violenza sessuale con aggressione, arrestato dai Carabinieri di Pescara Scalo

Pescara. I Carabinieri di Pescara hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto d’iniziativa M. E. 35enne bulgaro ritenuto responsabile di violenza sessuale ai danni di una signora. 

I fatti risalgono alla notte del 27 gennaio. La vittima sul portone di casa del suo condominio, di rientro da una serata trascorsa con amici, è stata avvicinata da un uomo che le ha chiesto una sigaretta, ma ha cominciato dapprima a palpeggiarla e poi ha cercato con la forza di consumare un atto sessuale. La vittima è riuscita a liberarsi dalla presa del maniaco e a premere il citofono di casa. Il figlio, sentite le urla, è sceso e si è avventato sull’aggressore mettendolo in fuga. Le indagini condotte dai Carabinieri della stazione di Pescara Scalo, coordinati dal capitano Antonio Di Mauro, hanno consentito di risalire, in appena 36 ore, al responsabile della violenza sottoponendolo a fermo d’iniziativa, atteso il pericolo di fuga. Il maniaco è di nazionalità bulgara è senza fissa dimora ed è stato tradotto nel carcere San Donato. Il pubblico ministero Andrea Papalia, concordando con le risultanze investigative prodotte dai Carabinieri, ha chiesto al giudice per le indagini preliminari, oltre alla convalida del fermo, avvenuta, anche l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare che ion mattinata  è stata notificata al detenuto.