Skip to content

Questione Centrale di spinta e Gasdotto Snam: Fuori da strumentalizzazioni elettorali

L’Aquila. Il Consigliere regionale Mauro Febbo è benvenuto sulla questione del gasdotto Snam. A fare gli onori di casa il presidente della commissione regionale ambiente e territorio Pierpaolo Pietrucci che da tempo si occupa del problema così la giunta regionale.

Foto Maria Trozzi

Foto Maria Trozzi 2013 tutti i diritti riservati.

La vicenda interessa la centrale di compressione prevista a Case pente di Sulmona e il metanodotto Snam che attraverserà la dorsale appenninica, su aree dei crateri dei più recenti terremoti e a massimo rischio sismico. Quando il progetto si poteva evitare, si poteva impedire davvero, in Regione era proprio una giunta di centro destra a governare e nessuno al vertice si interessò allora di partecipare alle conferenze di servizi e agli incontri necessari per fermare l’iter di autorizzazione del progetto Rete adriatica e negare l’intesa. “Che la giunta regionale di cui faceva parte ha ignorato proprio negli anni decisivi –  tiene a precisare Pietrucci all’annuncio dell’interessamento alla vicenda del consigliere di opposizione – Il documento approvato ieri, redatto assieme ai comitati e pronto per essere discusso da giugno, è solo l’ultimo di una serie di risoluzioni e interrogazioni che ho promosso e fatto approvare negli anni, da quando mi sono insediato, ottenendo più volte il pronunciamento favorevole all’unanimità, anche con il voto favorevole di Febbo, del Consiglio regionale”. É evidente quindi la malafede di Febbo, scrive in una nota Pietrucci, che parla di territori che eventualmente conosce poco e ottiene il risultato evidente di perdere di credibilità. “É il probabile effetto della necessità compulsiva di esternare giornalmente e nella perenne esigenza di competere elettoralmente – scrive il presidente della commissione regionale ambiente –  Lo invito a essere cauto perché questioni delicate come queste, che nella provincia dell’Aquila, da Sulmona all’Alto Aterno, viviamo con preoccupazione e che attengono alla sicurezza e all’ambiente, meritano di essere trattate con rispetto e coscienza, al di fuori di ogni strumentalizzazione elettoralistica – conclude Pietrucci – Lo dico al collega Febbo  perché conosce la mia dedizione sulle tematiche che riguardano le aree interne e in particolare il mio territorio, la stessa che ci mette lui per il suo territorio di riferimento”.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: