Comune di Sulmona verso il Patto per le città proposto da Confesercenti

Sulmona (Aq). «Ci attendiamo un confronto serrato e costruttivo con l’Amministrazione, perché imprese e Comune insieme possono rilanciare l’intera Città e arginare la desertificazione del commercio, dell’artigianato e delle altre attività produttive» intervengono Pietro Leonarduzzi e Angelo Pellegrino, membri della presidenza regionale della Confesercenti Abruzzo. 

La Confesercenti Abruzzo L’Aquila prende atto dell’interesse che l’amministrazione della Città di Sulmona e alcuni consiglieri della maggioranza stanno dimostrando nei confronti di una proposta concreta della Confesercenti, in collaborazione con il Centro studi dell’Officina dei sapori e del Cescot. Si tratta de Il Patto per le Città – Imprese e Comuni insieme per il rilancio dei centri urbani un documento operativo/programmatico presentato ufficialmente a Sulmona il 23 aprile 2015 e inviato a tutti i Sindaci del Centro Abruzzo. Le tematiche del Convegno, legate alle Politiche e agli Strumenti per lo sviluppo dei Centri Città anche in funzione della Programmazione europea 2014-2020, vennero illustrate anche e soprattutto dal segretario generale nazionale della Confesercenti Mauro Bussoni. La Confesercenti Abruzzo L’Aquila ribadisce che Il Patto per le Città ancora oggi assume un ruolo di fondamentale importanza sia per i contenuti sia per il confronto diretto tra le imprese e le istituzioni, non solo locali. “Ben venga un confronto costruttivo per fermare il processo di desertificazione urbana in atto a causa di una eccessiva pressione fiscale e della contrazione evidente dei consumi- continuano Pellegrino e Leonarduzzi – Le chiusure delle imprese commerciali sta causando una nuova emergenza a Sulmona e nelle altre comunità del Centro Abruzzo. Bisogna intervenire urgentemente per invertire questa tendenza e rilanciare il commercio dei centri urbani, anche prevedendo zone defiscalizzate per dare maggiore impulso alle nuove aperture.  La Confesercenti Abruzzo L’Aquila, per l’ennesima volta, ricorda che i negozi urbani non sono solo una barriera al degrado cittadino, ma anche un volano per l’industria turistica ed il principale veicolo attraverso il quale la spesa dei visitatori ricade sul territorio. Non solo: la presenza di negozi fa rivivere i centri storici delle città, i quartieri, trasformando i rioni e le arterie storiche in potenti attrattori turistici, veri e propri catalizzatori che svolgono il ruolo di potenziatori del valore storico-culturale dei centri città. Si rende necessario e non rinviabile ricreare le condizioni e l’ambiente favorevole allo sviluppo delle piccole imprese nella città e a rendere questa sempre più vitale, attrattiva, accessibile, sicura e sostenibile”. La Confesercenti Abruzzo L’Aquila fa appello all’amministrazione della Città di Sulmona affinché si faccia promotrice di un confronto tendente alla valorizzazione del ruolo e dell’impatto economico che il turismo e la cultura hanno sulle altre attività economiche delle città e sulla vita quotidiana della popolazione residente e così anche i mercati municipali e i mercati su aree pubbliche come elementi imprescindibili del commercio di prossimità e che fanno parte della storia di questa Città.