Incendio palazzina di Ortona, le concentrazioni di inquinanti non destano preoccupazione

Ortona (Ch). Le concentrazioni di inquinanti sono sotto i livelli di sensibilità strumentale, questi i risultati delle analisi dei campioni di aria che sono stati prelevati venerdì da Arta Abruzzo nel condominio di Ortona dove è divampato un incendio forse causato da un cortocircuito. 

Il rogo che ha costretto 27 famiglie ad abbandonare l’edificio di 9 piani di piazza Cardari si è sviluppato nella notte tra giovedì e venerdì scorso. I risultati tranquillizzanti delle analisi sono stati comunicati sabato al sindaco del Comune di Ortona, Leo Castiglione, con una lettera trasmessa a mezzo posta elettronica certifica (Pec) dall’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta). I campioni di aria, raccolti dai tecnici del distretto provinciale di Chieti al piano terra, proprio dove si è sviluppato l’incendio esattamente nel vano ascensore e poi al primo, al quarto e al settimo piano, sono stati immediatamente consegnati al laboratorio del distretto provinciale di Pescara che ha effettuato, in procedura di urgenza, le analisi gascromatografiche per la ricerca di composti organici volatili. In particolare, non è stata rilevata presenza né di composti organici aromatici (benzene, toluene, etilbenzene, xileni e stirene) né di composti organici ossigenati, solitamente riscontrati nelle aree interessate da incendi.

Esiti incendio Ortona (Ch)

Archivio

Incendio di un condominio ad Ortona. In corso le analisi dell’aria dell’Arta