Skip to content

Dimissioni ai vertici della ex Casa Santa, Gerosolimo approfondirà e Casini fa chiarezza

Sulmona (Aq). Le dimissioni contestuali di 2 componenti del Consiglio di amministrazione e del direttore dell’azienda pubblica di servizi Asp 2 della provincia dell’Aquila, con sede a Sulmona, rappresentano certamente un fatto rilevante e l’assessore regionale alle aree interne, Andrea Gerosolimo, vista la preoccupazione diffusa intende approfondire la questione.

Aggiornamento 1 e 2

“A strettissimo giro provvederò ad ascoltare i dimissionari per comprendere le ragioni che sono sottese a questo significativo atto che, per la sua gravità, immagino essere sorretto da motivazioni serie di cui vanno ricercate le eventuali responsabilità – scrive in una nota Gerosolimo – Nel frattempo la Regione, visto il venir meno del numero legale dell’organo di amministrazione, ad horas, provvederà alla formale ricostituzione del cda secondo quanto previsto dalla legge regionale 17/2011 (art. 11 comma 4) al fine di garantire la prosecuzione delle attività. Comunque sono certo che con il sostegno della Regione Abruzzo si potranno affrontare le difficoltà che possono aver indotto ad assumere una decisione di questa portata che non sottovalutiamo e che, anzi, siamo pronti ad analizzare ed approfondire” conclude l’amministratore regionale. Il sindaco di Sulmona interviene dopo le accuse mosse nei suoi confronti in merito alla vicenda dell’ente “Reputo assurda e non veritiera l’ipotesi di chi vuole a tutti i costi attribuire alla mia persona la responsabilità delle dimissioni dei vertici dell’ex Casasanta dell’Annunziata” risponde Annamaria Casini. “Sottolineo la mia assoluta estraneità riguardo la decisione del Consiglio di amministrazione e del direttore di rinunciare a proseguire il lavoro a 3 mesi dall’incarico. Non corrisponde al vero un mio coinvolgimento nella vicenda, parlando addirittura di baratti e condizioni che avrei posto per ritirare le mie dimissioni da sindaco. Rispedisco al mittente accuse da parte di chi tenta di strumentalizzare delicate situazioni, facendo credere altro dalla realtà dei fatti. Non ho mai chiesto la testa di nessuno e stigmatizzo l’attribuzione alla mia persona di tali azioni, che non appartengono al mio comportamento e ledono la mia onorabilità – afferma il primo cittadino Casini che precisare – Una notizia inaspettata quanto grave, che mi è stata anticipata, in maniera informale, nel tardo pomeriggio di ieri da un Consigliere dell’Asp. Nelle ultime settimane non ho avuto modo d’incontrare la presidente dell’Asp Catia Puglielli, con la quale ho sempre avuto un rapporto sereno di collaborazione. L’ultima volta risale alla prima metà di dicembre, quando ci siamo riuniti per affrontare il discorso sulle modalità finalizzate a stipulare la convenzione tra il Comune e l’ente. Chiederò subito una riunione con lei, con i componenti dimissionari del Consiglio di amministrazione e con il direttore, per andare fino in fondo alla vicenda che ritengo molto preoccupante visto che investe un ente importante e storicamente legato all’amministrazione Comunale. Occorre fare chiarezza e capire le motivazioni riguardanti le dimissioni e sapere quanto accaduto all’interno della ex Casasanta dell’Annunziata in questi ultimi tre mesi” conclude il primo cittadino.

mariatrozzi77@gmail.com

Vignetta

DIMISSIONI DEMONIACHE: NUMEROSE VITTIME PER LA KASA SANTA

2 Comments »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: