Skip to content

Violenza il giorno dell’antivigilia, la vittima riconosce lo stupratore

L’Aquila. La vittima lo ha riconosciuto, sarebbe un giovane 30enne aquilano l’autore della violenza sessuale di cui è stata vittima una ragazza, anch’essa originaria del capoluogo abruzzese, nella notte tra il 23 ed il 24 dicembre scorso.

L’aquilano è destinatario di un divieto di avvicinamento alla parte lesa. Le indagini della Squadra mobile sono state avviate appena dopo la denuncia della giovane che ha ricostruito quanto accaduto, il tutto supportato dal referto medico dell’ospedale San Salvatore. In compagnia di un’amica, in un locale vicino l’Aquila, la vittima ha riferito di aver conosciuto un ragazzo e di essersi trovata in uno stato di semincoscienza dopo aver consumato 2 drink. Approfittando del suo stato confusionale della giovane, il 30enne l’ha invitata a seguirlo. Una volta saliti a bordo della propria auto, l’uomo si è diretto in un posto isolato dove ha costretto la giovane a subire un rapporto sessuale, abbandonandola immediatamente dopo sul posto, seminuda. L’amica della vittima, preoccupata per averla persa di vista, ha cominciato a telefonarle. Dopo numerosi tentativi di chiamata senza risposta, il cellulare è rimasto nell’auto, proprio il 30enne l’ha contattata indicandole il luogo dove aveva abbandonato la ragazza. Grazie alla testimonianza di diverse persone, presenti  nel locale quella notte, i poliziotti sono stati  in grado di risalire all’identità del giovane e all’autovettura che guidava, descritta  sia dalla vittima che dai testimoni con dovizia di particolari: colore, casa automobilistica e nazionalità di quest’ultima. Inoltre, l’autore della violenza è stato riconosciuto, in seguito, dalla vittima e dai testimoni tramite individuazione fotografica.  Il veicolo  è stato sottoposto a sequestro per consentire  alla Polizia scientifica di eseguire gli accertamenti tecnici tesi a rilevare eventuali tracce biologiche all’interno.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: