Skip to content

Maiella madre, Sulmona aderisce al distretto turistico per il rilancio del territorio 

Sulmona (Aq). É stata approvata oggi in consiglio comunale l’adesione di Sulmona al Distretto turistico Maiella madre istituito con decreto del Ministero della cultura e del turismo (Mibact) su richiesta degli enti, dei Comuni e delle imprese turistiche del settore previa intesa con la Regione. 

Rilanciare e riqualificare l’offerta turistica  a livello nazionale e internazionale in maniera integrata, accrescere lo sviluppo del territorio, migliorare l’efficienza  nell’organizzazione e produzione dei servizi. Sono questi alcuni degli obiettivi della costituenda associazione che racchiude 38 comuni montani, con capofila Guardiagrele, 3 province (L’Aquila, Chieti e Pescara), Inps, Inail, Asl, 3 prefetture, associazioni di categoria, organizzazioni sindacali, Gal  ( gruppi di azione locale) e Dmc operanti nell’area delimitata dai comuni aderenti.  “L’inserimento di Sulmona nella rete di enti ed imprese è una grande opportunità per il nostro territorio, una scelta che ritengo potrà rivelarsi vantaggiosa e proficua, capace di dare impulso allo sviluppo sinergico dell’area e ben si sposa con il nostro obiettivo di rilancio economico del territorio in chiave turistica – afferma il Sindaco Annamaria Casini – il distretto aggregherà le imprese del comparto turistico e sarà attrattore di investimenti per favorire lo sviluppo di nuove imprese e il consolidamento dell’esistente. Nell’ambito del distretto potranno essere realizzati progetti pilota, concordati con i ministeri competenti in materia di semplificazione amministrativa e fiscalità anche al fine di aumentarne l’attrattività e favorire investimenti privati mediante azioni di riqualificazione dell’area, aggiornamento professionale del personale e la promozione di muove tecnologie – conclude il primo cittadino – Una grande opportunità dunque, per le nostre imprese e consorzi turistici, ma anche uno sprone a  proseguire un percorso di processi di aggregazione e partenariato con altre comunità, in particolare con l’Alto Sangro e i Comuni dei Parchi nazionali della Maiella e d’Abruzzo, forieri di progettualità comuni nei vari comparti della vita sociale ed economica delle comunità”.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: