Buon Natale, Toto soddisfatto dell’anticipo del contributo per A24 e A25

Roma. Approvato in Commissione bilancio della Camera, con tanto di soddisfazione dell’imprenditore Carlo Toto, l’emendamento alla manovra che consente alla società Strada dei parchi di riavviare i lavori nei cantieri per la messa in sicurezza delle autostrade gestite da Toto: A24 e A25.

Lavori sui viadotti autostradali Foto Maria Trozzi Report-age.com 2017

Dopo i terremoti del 2009, 2016 e 2017, il contributo è stato fissato dal decreto legge Sud a 50 milioni di euro annui, disponibili dal 2021 al 2025. É stato ritenuto indispensabile dalla società l’anticipo delle somme al 2018 nella misura di 58 milioni di euro. Così, il contributo si riduce di 50 milioni per il 2021 e di 8 milioni per il 2022. Gli oneri sono coperti con il Fondo di sviluppo e coesione. Sarà così possibile ultimare i lavori per evitare lo scalinamento sui viadotti, in caso di sisma. L’amministratore delegato di Strada dei parchi, Cesare Ramadori, quasi quotidianamente al Tg3 regione ha annunciato la chiusura dei cantieri allestiti in autostrada e il rischio di lasciare a casa 700 lavoratori perché i fondi a disposizione erano stati spesi e quelli europei sarebbero stati disponibili solo a partire dal 2021. Molti dei lavori sono già stati eseguiti tra Bussi e Popoli, sui viadotti dell’area della provincia di Pescara che più hanno risentito, gli scorsi anni, delle oscillazioni sismiche. Ci attendiamo di vedere, nelle prossime settimane anche dei lavoratori all’opera tra i viadotti Peligni bardati, in parte, nel tratto tra Cocullo e Pratola. Si tratta proprio dei ponti che il coogestore delle 2 autostrade abruzzesi progettava di dismettere e demolire con costruire una bretella che tagliava fuori dai collegamenti la valle Peligna e l’intero Alto Sangro, inoltrandosi in aree protette e a protezione integrale, scavando gallerie e intere montagne, per guadagnare tempo ovvero quasi 20 minuti di viaggio.

mariatrozzi77@gmail.com