Forme di lotta creativa: il Presepe con i Magi Precari

Rossano (Cs). Al blog Report-age.com giunge da Rossano, provincia di Cosenza in Calabria, una mail che presenta l’iniziativa di un curiosissimo presepe con personaggi alternativi, 3 Magi precari. La singolare rappresentazione della Natività è esposta a palazzo San Bernardino in occasione della manifestazione Natalitia 2017.

Nella grotta con Gesù bambino, Giuseppe, Maria, il bue, l’asinello, non mancano 3 strani personaggi che rappresenterebbero i Magi, o meglio, la vita e il percorso di un ex-precario della scuola pubblica, Euristeo Ceraolo, nativo di Rossano (Cs) precario solo per 11 anni nella provincia di Forlì-Cesena. Ceraolo, con questa singolare e unica iniziativa, ha evidenziato il disagio dei lavoratori, esprimendo con l’arte tanta solidarietà,  ricordando la sua esperienza e adottando, ogni volta, forme di lotta creativa. “Come si può festeggiare senza pensare al prossimo?- è la domanda dell’artista – Se faccio una considerazione che è anche il mio pensiero, come posso essere felice se c’è gente intorno a me infelice, se mia sorella e mio cugino sono disoccupati, il mio amico è precario, la mia vicina di casa non riceve lo stipendio da mesi, alcuni lavoratori hanno perso il lavoro e si trovano in cassa integrazione, senza certezza per il presente imminente e il futuro prossimo. Alla luce delle situazioni che i miei cari si trovano ad affrontare, non riesco a gioire e godere della serenità propria del Natale”. In dettaglio, la prima statuina indossa una maglietta con la scritta Euristeo precario: sposerò la Carfagna, una provocazione per far conoscere il disagio che nel governo Berlusconi la scuola statale attraversava per i tagli alla cultura, alla scuola e in special modo al personale precario Docente e Ata. Il secondo manufatto riporta lo slogan Euristeo Precario, ma Sto Cercando di smettere. Infine, sulla terza miniatura si può leggere Euristeo Vip (acronimo di Vincere il precariato) spesso utilizzata per promuovere la sua battaglia a favore dei lavoratori precari, immancabili i selfie con Vip che sostengono questa iniziativa (qui).

mariatrozzi77@gmail.com