Skip to content

Fra 7 giorni a Roma Conferenza di Servizi su Metanodotto e Centrale Snam

Ore 17 del 12 dicembre aula consiliare palazzo San Francesco incontro con il geologo che chiarirà sullo studio sismico della Snam 

Roma. Natale è alle porte e il governo nazionale non può far mancare un bel regalino. Nemmeno i comitati ambientalisti Peligni se l’aspettavano, tanto d’aver fissato un incontro lo stesso giorno del regalino. Nel tardo pomeriggio è stato rinviato l’incontro con il geologo Francesco Aucone, per esporre le sue note critiche alla valutazione del rischio sismico contenute nello Studio d’impatto ambientale (Sia) della Snam di realizzazione di un metanodotto sulla dorsale appenninica e in aree a massimo rischio sismico. Fra 7 giorni è stata convocata la Conferenza di servizi per chiudere definitivamente l’iter autorizzativo del gasdotto Sulmona-Foligno, segmento del progetto del metanodotto e centrale Snam impropriamente definito Rete adriatica. Comuni, enti territoriali e rappresentanti della società si troveranno allo stesso tavola romano per le ore 12 del 14 dicembre.

Altro rinvio della Conferenza: aggiornamento

A chiedere il posticipo della conferenza di servizio fissata, in un primo tempo, il 26 ottobre è stato il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso. Proprio la mancata indicazione della nuova data per l’incontro capitolino definitivo faceva ben sperare nell’allontanamento temporale della decisione finale del devastante progetto. Chiuso l’iter, con la conferenza romana, la Presidenza del consiglio dei ministri deciderà di autorizzare il progetto della centrale e del gasdotto che da Massafra (Taranto – Puglia) arriva a Minerbio (Bologna – Emilia Romagna) passando proprio sui crateri sismici dei più recenti terremoti e  in aree a rischio sismico 1. I tubi che attraverseranno l’Abruzzo sono parte inseparabile e inscindibile dell’intera opera che però è stata spezzettata per agevolarne l’autorizzazione. Bisognerebbe riprendere il discorso degli Usi civici di Paganica per avere ragioni sull’ingiustizia del Rete adriatica e i suoi frammenti ciascuno con i suoi problemi e le sue singolari procedure di valutazione d’impatto ambientale. É necessario, anche a detta degli ambientalisti e di molti tecnici del settore, un’unica valutazione sull’intero progetto.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Sulla Centrale di Spinta Snam l’Ombra dell’Antica Iscrizione Trovata a Case Pente. Esclusiva Report-age.com

D’Alfonso chiede ed ottiene il posticipo dell’incontro a Roma su Gasdotto e Centrale Snam

 

3 Comments »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: