Skip to content

Intelligence per crimini ambientali, Bernini (M5S) interroga su istituzione della sezione e su chi ne fosse a capo

Massimo Bernini

Servizi segreti per crimini ambientali, l’incognita arriva proprio dopo una delle settimane più tristi e delicate per gli ex forestali. Della effettiva istituzione della sezione crimini ambientali nell’intelligence il Movimento 5 stelle domanda chiarimenti alla presidenza del consiglio dei ministri, ai ministri dell’interno e della difesa, l’onorevole Massimiliano Bernini. Primo firmatario dell’interrogazione a risposta scritta (n. 4/18274) appena presentata è il deputato Massimo Bernini, lo sostengono nell’atto parlamentare altri 5 parlamentari. Bernini, Patrizia Terzoni, Tatiana Basilio, Emauele Cozzolino e Alberto Zolezzi chiedono anche di sapere se a capo della stessa sezione fosse stato designato l’ex Capo del Corpo forestale dello Stato, Cesare Patrone.

Testo dell’Interrogazione

Ministero destinatario:
  • Presidenza del consiglio dei ministri
  • Ministero dell’interno
  • Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali
  • Ministero dela difesa
Attuale delegato a rispondere: presidenza del consiglio dei ministri delegato in data 25/10/2017
Stato iter: in corso

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18274

presentato da

BERNINI Massimiliano

testo di

Mercoledì 25 ottobre 2017, seduta n. 878

  MASSIMILIANO BERNINI, TERZONI, BASILIO, COZZOLINO e ZOLEZZI. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell’interno, al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, al Ministro della difesa. — Per sapere – premesso che:

il decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 177, «Disposizioni in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo forestale dello Stato, ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera a), della legge 7 agosto 2015, n.124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche», è entrato in vigore il 13 settembre 2016;

secondo l’articolo 20, comma 1, «il trasferimento delle risorse strumentali e finanziarie e il transito del personale del Corpo forestale dello Stato nelle amministrazioni di cui all’articolo 12, comma 1, hanno effetto contestualmente a decorrere dal 1° gennaio 2017»;

nella tabella A allegata al decreto, è rappresentato il riparto del personale dell’ex Corpo forestale dello Stato, distinto sulla base delle varie qualifiche, in Polizia di Stato, Guardia di finanza, Vigili del fuoco, Arma dei carabinieri e Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali;

secondo la suddetta tabella, uno dei due dirigenti generali dell’ex Corpo forestale dello Stato è stato assorbito dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, mentre non si evince il destino dell’altro dirigente generale ovvero dell’ex capo del Corpo forestale dello Stato;

l’incarico di capo del Corpo forestale dello Stato è stato ricoperto ininterrottamente per 13 anni dall’ingegnere Cesare Patrone;

da fonti di stampa si apprende come l’ex capo del Corpo forestale dello Stato «sia stato nominato alla guida di una speciale sezione della nostra intelligence, creata ad hoc per lui e in cui sono confluiti anche alcuni uomini di sua fiducia» –:

quale incarico ricopra attualmente l’ex capo del Corpo Forestale dello Stato;

se sia stata effettivamente istituita una sezione di intelligence specializzata nei crimini ambientali e, in caso affermativo, se a capo della stessa sia stato designato l’ex capo del Corpo forestale dello Stato e quali criteri siano stati seguiti per tale assegnazione;

quali funzioni svolga la succitata sezione speciale dell’intelligence.
(4-18274)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: