Skip to content

Neptune: Volontari preparati per interventi contro inquinamento da idrocarburi e rifiuti sulle coste

Pescara. Fronteggiare ipotetiche emergenze in ambiente marino legate a perdite di petrolio di imbarcazioni, a perforazioni o ancora a rifiuti spiaggiati per eventi atmosferici di grande rilevanza o altri incidenti in mare. Con questo obiettivo si formeranno per 3 giorni nuove professionalità nel volontariato, la possibilità è data dal progetto Neptune promosso dal dipartimento nazionale di protezione civile e organizzato da Legambiente. 

Aggiornamento

Non si tratterebbe di operazioni di bonifica nè di messa in sicurezza, ma in caso di incidenti in mare e di rischio per le coste entrerebbero in azione anche i volontari che hanno seguito corsi come quello che si terrà da dopodomani nel capoluogo adriatico e che chiuderà domenica con un’esercitazione in esterna, per testare le procedure operative insegnate nel corso delle elezioni che si terranno nella sede della Capitaneria di porto. Nel corso degli incontri verrà affrontato il tema degli interventi relativi alla pulizia delle coste in caso di sversamento in mare di prodotti petroliferi e conseguente spiaggiamento dei rifiuti, partendo dalla descrizione delle diverse competenze di tutti i soggetti che operano in caso di emergenza, dal dipartimento della Protezione civile alla Capitaneria di porto e agli enti locali. Ci si soffermerà, inoltre, sui possibili ruoli e compiti per il volontariato in questa delicata tipologia di emergenze, finalizzata alla tutela del mare e dei preziosi ecosistemi costieri.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: