Skip to content

Esplosioni in via Avezzano, 2 auto in fiamme nella notte

Sulmona (Aq). Esplosioni su via Avezzano 17, avvenute nel primo mattino, con 2 auto avvolte dalle fiamme per incendi che, dalle prime verifiche della Polizia Scientifica, sarebbero di matrice dolosa, forse  appiccati per vendetta. Torna l’incubo nel quartiere che sino al 2014, ogni anno, era teatro di battaglia con automobili dei residenti messe a ferro e fuoco, sempre in orario notturno, parcheggiate nei piazzali dei condomini. 

Esplosione auto via Avezzano Report-age.com 7.11.2017

Tanta paura nel cuore della notte, via Avezzano si desta e trema per 2 forti esplosioni, attorno alle ore 4.20, così raccontano i residenti. “Ho sentito prima un rumore sordo, insistente, come l’audio di una radio da sintonizzare, forte, ho pensato alla sveglia e temendo di disturbare i vicini mi sono svegliata di soprassalto. Non era la sveglia ho pensato all’allarme di qualche auto parcheggiata e mentre mi alzavo l’esplosione”. C’è chi ha visto su uno dei mezzi bruciati, quello grigio, delle fiammelle che correvano lungo il parabrezza e d’improvviso la vampata. Le auto in fiamme sono una Citroen C4 e contemporaneamente, ad una certa distanza, una panda di colore rosso bordò, di proprietà di 2 distinti residenti. Una delle auto potrebbe essere stata incendiata per depistare? Nuovo di zecca, un altro mezzo lambito dalle fiamme, a pochi centimetri dalla Citroen bruciata, è stato spostato appena in tempo dai proprietari. L’esplosione di uno dei veicoli ha danneggiato anche l’atrio dell’area condominiale dove vivono 8 famiglie. Sono intervenuti i Vigili del fuoco di Sulmona che hanno spento i roghi evitando il peggio. Sul posto, la Squadra anticrimine del Commissariato di via Sallustio che stamane, sono intervenuti anche i Carabinieri, ha eseguito i rilievi sulle auto e ora s’indaga sulle ragioni dei roghi. Il modus operandi sembra simile ad altri vecchi incendi di automobili, di ogni genere, appiccati in zona. Tra le tante, non si esclude l’ipotesi che si volesse colpire uno dei familiari dei proprietari dei mezzi finiti nel mirino questa notte e che, a quell’ora, era da poco rientrato a casa. L’uomo potrebbe avere avuto, di recente, qualche altro problema. I residenti del quartiere, da tempo colpiti da questo genere di crimine, chiedono da decenni l’installazione di impianti di videosorveglianza nell’area: “Abbiamo chiesto al Comune di dotare il nostro quartiere, da anni preso di mira da malviventi e piromani, di telecamere, ma dopo aver saputo che l’attrezzatura è disponibile stiamo ancora aspettando che il Comune mantenga gli impegni, mentre continuano a bruciare auto”. Poco distante da lì, altri residenti si son attrezzati autonomamente e, sotto l’occhio vigile delle telecamere, per le loro automobili non si sono più verificati episodi del genere.

mariatrozzi77@gmail.com

Immagini M. P.

Video G. M.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: