Skip to content

D’Alfonso chiede il posticipo dell’incontro definitivo sull’Autorizzazione del Gasdotto e Centrale Snam

L’Aquila. Chiesto ed ottenuto il posticipo del tavolo definitivo per la costruzione del metanodotto Sulmona-Foligno (fissato il 26 ottobre alle ore 11 a Roma) dal presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, in una lettera inviata oggi al capo dipartimento per il coordinamento amministrativo della presidenza del consiglio dei Ministri. Il motivo è la concomitanza con la visita del commissario straordinario per la ricostruzione post sisma, Paola De Micheli, che si recherà all’ufficio speciale per la Ricostruzione di Teramo.

Aggiornamento 1   e 2 

Ambientalisti dinanzi al Mise Roma Report-age.com 2015“Il tema della costruzione del metanodotto Sulmona-Foligno è, per il governo regionale e per l’opinione pubblica della mia regione, di stringente attualità in ragione della previsione progettuale del tracciato della condotta stessa, laddove esso si sviluppa in aree naturalistiche di pregio – ossia all’interno di più Parchi nazionali – nonché a motivo di faglie sismiche attive che pure ‘intercetta’ lungo l’intera dorsale appenninica” scrive D’Alfonso che sottolinea il fatto di non potersi sottrarre alla discussione per l’importanza della materia da trattare “ancor più perché nell’ambito del tavolo operativo convocato per il 26 ottobre alle ore 11 presso gli uffici di codesto dipartimento in indirizzo, si è chiamati ad assicurare una posizione vincolante dell’ente di appartenenza”. Quindi la richiesta del governatore D’Alfonso che si appella “alla cortese disponibilità” del capo Dipartimento, Annalisa Cipollone, per il rinvio della riunione. É “di tutta evidenza che la presenza della mia persona giuridica non può non essere garantita, quale segno di continuità di indiscussa collaborazione del vice commissario alla ricostruzione nei confronti del neo commissario De Micheli, sempre finalizzata alla rinascita dei territori martoriati ed alla ripresa economica e sociale delle comunità” scrive D’Alfonso (fonte Ansa).

Dal Partito democratico, circolo di Sulmona. “L’appuntamento di giovedì a Roma tra governo, Regioni (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria), enti territoriali, istituzioni interessate e Snam, per la vicenda del metanodotto Sulmona-Foligno e la realizzazione della centrale di compressione a Sulmona, rappresenta un momento estremamente delicato per la città e per l’intero Centro Abruzzo. Il Pd di Sulmona, da sempre contrario alla realizzazione dell’opera, solidarizzando con quanti da anni si battono contro quest’ultima, invita il sindaco a rappresentare con fermezza nella riunione romana, le ragioni della Città che vanno ricercate nella individuazione di soluzioni alternative al progetto attuale. Al di là delle motivazioni giuridiche e ambientali largamente rappresentate e documentate, crediamo che non possa essere taciuta la volontà popolare largamente espressa da migliaia di cittadini e, in forme diverse, dalle istituzioni abruzzesi, contro un’opera che non trova nessuna ragione di urgenza né di priorità economica così com’è stata progettata. Il circolo Pd di Sulmona, pertanto, punta a sensibilizzare i parlamentari abruzzesi del partito per fronteggiare questo disegno. Analogamente si rivolge ai consiglieri Regionali e all’assessore regionale alle aree interne, (Andrea Gerosolimo ndb) affinché nelle sedi istituzionali competenti contribuiscano a rappresentare i bisogni di questa comunità che, in questo momento, necessita di ben altre attenzioni per uscire dall’isolamento sociale ed economico in cui è venuta a trovarsi”.

Terremoto: governatore D’Alfonso e De Micheli giovedì a Teramo Riunione all’Ufficio speciale per coordinare interventi. Giovedì 26 ottobre, alle ore 11 visita istituzionale del Commissario Straordinario per la ricostruzione post sisma, Paola De Micheli, all’ufficio speciale per la ricostruzione di Teramo. Lo annuncia il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, chiedendo, in virtù di questa visita, il rinvio di una riunione prevista a Roma sul Metanodotto Sulmona-Foligno in una lettera inviata al Capo Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo Presidenza del Consiglio dei Ministri. La visita del commissario De Micheli ha lo scopo di “coordinare, unitamente ai sindaci dei centri colpiti dagli eventi sismici del 2016-2017 della provincia teramana, strategici programmi di interventi volti alla ricostruzione degli edifici pubblici e privati” scrive D’Alfonso.

Archivio

Ad un passo da Centrale e Gasdotto Snam. Retroscena del Rete adriatica

 

1 commento »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: