Skip to content

Protezione civile. D’Alfonso: “Arrivano i fondi per grandi emergenze”

L’Aquila. Dall’incontro con il capo dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli, arriva una consistente buona notizia, ossia, una prima soluzione economica alle emergenze neve, incendi e rischio idrogeologico in Abruzzo.  In totale sono stanziati 46 milioni di euro e di questi sono già assegnati 15 milioni di euro di cui 1,5 già trasferiti alla Regione, 31 milioni arriveranno entro metà novembre.

Così spiega il governatore d’Abruzzo Luciano D’Alfonso, che fa riferimento anche ad un’altra categoria di interventi per i lavori di prevenzione “sotto la competenza di Italia Sicura con cui  apriremo una trattativa per ulteriori risorse per la mitigazione del rischio idrogeologico -aggiunge il presidente – Nella giornata di ieri ci è stato comunicato dal ministero dell’ambiente l’assegnazione di oltre 44 milioni di euro, costruiti tra Regione e ministero, per la tutela del territorio e delle acque. A partire da questo momento possono partire le gare d’appalto  per i Comuni che hanno trovato copertura. Abbiamo anche fondi a disposizione per ulteriori situazioni depurative della Regione”.

In dettaglio. I 46 milioni di euro stanziati si riferiscono a danni causati da maltempo per rimborsare le spese sostenute dai Comuni per la rimozione neve, l’accoglienza alberghiera alle famiglie colpite e per i primi interventi di somma urgenza necessari a rimuovere i pericoli incombenti. Le altre risorse, circa 44 milioni di euro (Fondo per lo sviluppo e la coesione Fsc 2014/2020) interessano interventi per la tutela del territorio e delle acque e fanno riferimento al rischio idrogeologico (19 milionidi euro), bonifiche (oltre 7 milioni) e servizio idrico integrato (17 milioni).

Gli interventi finanziati per contenere il rischio idrogeologico i Comuni che beneficeranno degli stazioamenti sono Chieti, Vasto , Vacri , Bellante , Castiglione Messer Raimondo, Ripa teatina, Casalincontrada, Casacanditella, Castelguidone, Roccamontepiano, Roccamorice, Paglieta, Lettomanoppello, Castiglione Messer Marino, Prezza, Montenerodomo, Civitella Messer Raimondo, Rosello, Trasacco, Isola del Gran Sasso dItalia. Per il miglioramento del servizio idrico integrato i Comuni sono Pescara – San Giovanni teatino – Spoltore, Rosciano, agglomerato Scoppito – Tornimparte – Lucoli. Gli interventi di bonifica per le aree inquinate interessano Pizzoli, Cepagatti, Ortona dei Marsi, Castellalto, Montorio al Vomano, Mosciano Sant’Angelo, in provincia di teramo. A breve sarà trasmesso il format di scheda finalizzato all’inserimento delle informazioni di dettaglio dei singoli interventi necessarie all’avvio delle procedure di alimentazione del sistema nazionale di monitoraggio.

Per  gli incendi si è concordato di procedere nella richiesta ad un immediato ristoro delle spese sostenute per l’emergenza attraverso specifica ordinanza per un importo di circa un milione di euro, rinviando a intese con il ministero dell’ambiente gli interventi di tutela e salvaguardia delle aree interessate dal fuoco.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: